Luis Enrique lascia. L’allenatore spagnolo non siederà sulla panchina del Barcellona nella prossima stagione-

“Tre anni memorabili”

“E’ una decisione molto difficile per me, molto meditata, ma credo di dover essere fedele con i miei pensieri – spiega Luis Enrique in conferenza stampa dopo il 6-1 allo Sporting Gijon -. Nel precampionato ho avuto una riunione con Alberto Soler e Robert Fernandez nella quale si è parlato della possibilità di rinnovare il contratto. Mi dissero che non c’era fretta per prendere questa decisione, ma il momento è arrivato. E lo annuncio. Il motivo è che il mio lavoro lo vivo come una ricerca continua di soluzioni e questo mi dà poco riposo. Tutto qui, ho bisogno di riposo, è questo il motivo principale. Vorrei ringraziare il club per la fiducia, sono stati tre anni memorabili. Possiamo ancora vivere tre mesi entusiasmanti. Vorrei dire addio come il club merita”.

Allegri nella lista dei nomi

I giornali spagnoli cominciano già a ipotizzare quale sarà il futuro successore. In lizza per il posto anche Massimiliano Allegri. Il livornese viene apprezzato dai dirigenti blaugrana per lo stile e la gestione dello spogliatoio. A quanto riporta il Mundo Deportivo la concorrenza è fitta, a partire da Juan Carlos Unzué, assistente di Lucho ed erede naturale perché conosce perfettamente l’ambiente.
Ernesto Valverde, ora all’Athletic Bilbao, viene a sua volta monitorato, così come spera di allenare Messi il tecnico del Siviglia Jorge Sampaoli, accostato lo scorso anno alla Lazio.

Ipotesi Klopp

“Allenare al Camp Nou sarebbe un onore”, si candida così Eduardo Berizzo, mister del Celta Vigo. Sarebbe felice di tornare anche Ronald Koeman. L’attuale guida dell’Everton è ancora celebrato al Camp Nou per il gol vittoria nella finale di Coppa dei Campioni 1991-1992 contro la Sampdoria. Eusebio Sacristan, allenatore della Real Sociedad, vanta a sua volta ottimi precedenti da giocatore, oltre che da allenatore della squadra B. Il ds Robert Fernandez spinge per Quique Setien, alla guida del Las Palmas, ma darebbero più garanzie Laurent Blanc, ex Psg, e Jurgen Klopp, che desta sì grande interesse, ma è blindato da un contratto di sei anni con il Liverpool.