Appena 7 secondi per entrare nella storia. Luigi Canotto, esterno classe ’94 del Melfi, segna nel derby lucano di Matera il gol più veloce della storia dei campionati italiani.

Calcio d’inizio fischiato dal signor Rossi di Rovigo, palla all’indietro per il regista del Melfi che scodella un lungo pallone sulla destra, Canotto è bravo a prendere d’infilata la difesa del Matera e battere il portiere dei padroni di casa Bifulco. Sono passati appena 7 secondi.

Chissà se Canotto, oltre all’esultanza per il gol del fulmineo vantaggio del Melfi, avrà subito capito di aver battuto il primato che apparteneva dal 2001 a Paolo Poggi.

L’attaccante, allora al Piacenza, impiegò solo 9″ per superare il viola Manninger. Prima dell’impresa di Poggi, il record apparteneva un altro filibustiere dell’area di rigore della massima serie: Marco Branca.

Era il 1993, Branca giocava nell’Udinese e la vittima del ‘fast gol’ fu ancora la Fiorentina: fischio d’inizio, 9″ e 10 centestimi e palla in rete.

Per la cronaca, la gara tra Matera e Melfi si è chiusa con il punteggio di 2-3. Dopo il vantaggio di Canotto è arrivato il pari dei padroni di casa (calcio di rigore messo a segno da Infantino), quindi fuga degli ospiti sull’1-3 grazie a Longo e Soumarè prima del sigillo finale firmato ancora Infantino.

Di seguito il video con il gol del record di Canotto.