Prosegue con la positività ad un controllo antidoping del capitano Fabio Lucioni l’inizio di campionato da incubo per il Benevento. Il difensore giallorosso, 29 anni, non ha superato il test effettuato da Nado Italia alla fine della gara perso dai campani contro il Torino, il 10 settembre scorso, e risolto da un gol nel finale di Iago Falque.

Lucioni è risultato positivo ad un anabolizzante, il Clostebol. Ora rischia da uno a quattro anni di squalifica.

“La Prima Sezione del Tna, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping – si legge in una nota – ha provveduto a sospenderlo in via cautelare”.

Il tecnico del Benevento Marco Baroni aveva già convocato Lucioni per la trasferta di Crotone, partita che, nonostante cada alla sesta giornata, sembra già essere un crocevia salvezza. I calabresi hanno un solo punto in classifica, il Benevento è invece ancora a bocca asciutta. 0 punti in 5 partite con un solo gol segnato (quello che lo portò momentaneamente in vantaggio in casa della Sampdoria nella prima giornata) e 14 subiti.