Si è presentato davanti ai giornalisti il tecnico nerazzurro Walter Mazzarri e lo ha fatto per la classica conferenza stampa alla vigilia del turno di campionato che vedrà l’Inter giocare a Livorno contro la squadra allenata da  Domenico Di Carlo. Dopo il mezzo passo falso di giovedì sera contro l’Udinese (leggi qui la cronaca del match), i nerazzurri cercano i 3 punti per continuare la rincorsa alla ricerca del pass europeo per la prossima stagione.

Livorno squadra insidiosa e con un pubblico molto caldo, cercherà punti fondamentali per conquistare la salvezza”. Mazzarri (foto by Infophoto) mette subito in guardia la propria squadra volendo evitare quei cali di concentrazione che nelle ultime partite hanno caratterizzato le prestazioni dei nerazzurri. Nella squadra labronica sono presenti molti giovani di proprietà del club milanese: “La nostra scelta è quella di dare loro la possibilità di giocare con continuità. Sono seguiti costantemente a prescindere dalla partita di domani. Sono una risorsa per la nostra società e mandandoli a giocare in prestito, possono migliorare facendo esperienza“.

La formazione da schierare dal primo minuto non è ancora stata decisa: “Abbiamo avuto molti impegni ravvicinati, devo valutare le condizioni fisiche dei miei giocatori. Parlerò con loro e decideremo la formazione titolare in base anche a quello che mi diranno e a come si sentono fisicamente”. Parlando dei singoli, le ultime prestazioni di Guarin non sono state molto positive (leggi qui la pagella del colombiano nella gara contro i friulani): “Lui è un ottimo giocatore, ha moltissimi pregi e alcuni piccoli difetti dove deve migliorare. Nell’ultima partita è stato sostituito anche per un discorso di turnover in base ai molti impegni ravvicinati. Non deve essere lui a trascinare la squadra ma deve essere un lavoro di gruppo dove ognuno recita la sua parte“. Parlando di Hernanes, il tecnico nerazzurro si esprime così: “E’ arrivato da noi non in perfette condizioni fisiche ed una serie di piccoli problemi ne hanno condizionato le prestazioni in campo. Ora i problemi sembrano risolti ed è la cosa più importante“.

Nei giorni scorsi Mazzarri ha incontrato il Presidente Thohir per parlare delle ultime partite di campionato ancora da disputare oltre che dei programmi futuri della società (leggi qui le parole del tycoon indonesiano): “Tra me ed il Presidente c’è sintonia. Le ultime 8 partite di campionato saranno importanti per trarre le conclusioni giuste sulla nostra rosa e sui possibili giocatori da acquistare per rinforzare la squadra in vista della prossima stagione. E’ importante che Thohir cerchi di stimolare il gruppo, io personalmente non ho bisogno di stimoli perchè è nella mia filosofia cercare di dare sempre il massimo”. Chiusura con un pensiero sulle difficoltà della squadra nelle ultime partite giocate a Milano: “Il nostro pubblico mi sembra che ci sostenga sempre. Ho parlato con la squadra delle difficoltà avute nelle ultime gare soprattutto nei primi tempi e stiamo valutando come migliorare il nostro approccio alla partita“.

Giorno di vigilia in casa nerazzurra: domani l’Inter sarà attesa dal Livorno e gli amaranto non possono permettersi passi falsi con il rischio di retrocedere a fine stagione. Mazzarri alza il livello di concentrazione della sua squadra per cercare di invertire una rotta che nelle ultime giornate è diventata improvvisamente pericolosa e piena di difficoltà.