Sette su sette all’Olimpico. La Lazio prosegue la strisca positiva casalinga che in questa stagione l’ha vista sempre vincere e manda al tappeto anche il Rosenborg, piazzandosi in testa al proprio girone di Europa League.

Lazio-Rosenborg 3-1

Gara con handicap per i biancocelesti. La Lazio parte benissimo (al 3′ palo di Hoedt su angolo di Candreva e poi traversa di Mauri) ma resta in 10 al 6′. Mauricio atterra Skjelvik lanciato verso la porta di Berisha e viene espulso.

Al minuto 28′, però, la Lazio sblocca il risultato. Bella giocata di Candreva che con un bel passaggio filtrante pesca Matri che a tu per tu con Hansen non spreca.

La reazione del Rosenborg non si fa attendere: al 31′ palo di Skielvik su tiro dalla distanza, al 35′ colpo di testa di Soderlund e palla ancora sul palo.

Lazio che soffre, ma che tiene le maglie strette e, spesso, tutti i calciatori dietro la linea del pallone. Al 9′ del secondo tempo arriva anche il raddoppio. Gli ospiti perdono un pallone sulla tre-quarti, Matri si trasforma in assit-man e serve al centro area per l’accorrente Felipe Anderson che con un rasoterra ad incrociare fa 2-0.

Il Rosenborg non ci sta e riapre i conti al minuto 24′. Bella l’azione dei norvegesi che porta al cross da sinistra di Skjelvik ed al colpo di testa vincente di Soderlund.

La squadra di Pioli si mette al riparo da cattive sorprese dieci minuti dopo. De Lanlay stende Radu. Rigore cheCAndeva si fa parare per poi ribadire in rete. 3-1.

Nel recupero Konko atterra Konradsen. Altro rigore che Berisha è bravo a parare a Soderlund.

Con la vittoria, la Lazio si porta a 7 punti, tre in più di Dnipro e St Etienne a 4, Rosenborg a 1.

Lazio-Rosenborg 3-1, il tabellino

LAZIO (4-2-3-1): Berisha; Konko, Mauricio, Hoedt, Radu; Onazi (dall’11′ s.t. Gentiletti), Cataldi; Candreva, Mauri (dal 30′ s.t. Milinkovic-Savic), Felipe Anderson (dal 25′ s.t. Milinkovic-Savic); Matri. (Marchetti, Basta, Morrison, Klose). All. Pioli
ROSENBORG (4-3-3): Hansen; Svensson (dal 31′ s.t. Konradsen), Eyjolfsson, Bjordal, Dorsin (dal 17′ s.t. Mikkelsen); Jensen, Selnaes (dal 44′ s.t. Vilhjalmsson), Midtsjo; Skjelvik, Soderlund, De Lanlay. (Hansen, Reginiussen, Stamnestro, Gamst Pedersen). All. Ingebrigtsen.
ARBITRO: Gil (Polonia)
MARCATORI: Matri (L) al 28′ p.t.; Felipe Anderson (L) al 9′, Soderlund (R) al 24′, Candreva (L) al 34′ s.t.