Lazio-Napoli in emergenza per la squadra di Pioli, che affronterà la capolista in formazione ampiamente rimaneggiata. Tra i biancocelesti mancheranno gli squalificati Matri, Cataldi, Milinkovic-Savic e gli infortunati De Vrij, Kishna, Biglia, Radu, Bisevac, Morrison, ai quali si aggiunge il dubbio relativo a Felipe Anderson, che ieri ha svolto terapie.

Ciò nonostante, Pioli crede nell’impresa. “Il Napoli è forte, ma non imbattibile. Cercheremo di sfruttare i suoi punti deboli. Abbiamo tante assenze, forse non avrò Felipe Anderson, ma crediamo di poter fare un buon risultato”.

Tra i pali dei biancocelesti torna Marchetti, la difesa sarà composta da Basta e Konko esterni con Mauricio ed Hoedt centrali. A centrocampo Parolo, Onazi e Lulic con Candreva, Klose e Keita trio offensivo.

Il Napoli non avrà i due squalificati Hysaj ed Allan, due pezzi importanti dell’impianto tattico sarriano, più il neo-arrivato Alberto Grassi, operato di menisco.

Il tecnico toscano si affiderà ad un mini-turn over, metà obbligato dalle decisioni del giudice sportivo, metà voluto per far rifiatare qualcuno dei titolari inamovibili.

Hysaj e Allan saranno rispettivamente surrogati da Maggio e David Lopez, partiranno dalla panchina Ghoulam (Strinic al suo posto) e Insigne (Mertens).

Al centro dell’atacco ci sarà Higuain, che ha nella Lazio una delle sue vittime preferite: 11 gol messi a segno contro i biancocelesti tra campionato e coppe, 8 con la maglia azzurra e 3 con quella del Real Madrid.

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Basta, Mauricio, Hoedt, Konko; Parolo, Onazi, Lulic; Candreva, Klose, Keita. All. Pioli
NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Strinic; Lopez, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Mertens. All. Sarri
ARBITRO: Irrati di Pistoia