Prima prova d’appello per Filippo Inzaghi. Nonostante le rassicurazioni di facciata e la sua apparente serenità, Lazio-Milan rappresenta un banco di prova fondamentale per il prosieguo della stagione: sotto osservazione non ci sarà soltanto il risultato ma anche l’atteggiamento della squadra, apparsa indicibilmente timorosa e disorganizzata nelle prime uscite del 2015. Va detto che i rossoneri hanno sempre offerto prove discrete contro squadre di alta classifica, contro le quali è più facile ripartire in contropiede.

Le probabili formazioni di Lazio-Milan

Per la delicatissima sfida dell’Olimpico, il tecnico rossonero riproporrà per l’ennesima volta il suo 4-3-3 spuntato, con Menez “centravanti” e il duo Cerci-Bonaventura ai suoi lati, mentre El Shaarawy e Pazzini si accomoderanno in panchina. Novità rilevanti a centrocampo: l’assenza per infortunio di De Jong riporterà Montolivo davanti alla difesa, dove ha spesso mostrato la sua migliore versione; sul centrodestra ci sarà Poli, mentre sul lato opposto ecco riapparire Marco Van Ginkel, fin qui poco più di un oggetto misterioso. Scelte obbligate in difesa: con Bonera, De Sciglio e Zapata out per guai fisici, e Rami squalificato, Inzaghi punterà sulla coppia pressoché inedita Alex-Mexes, con Abate e Armero terzini davanti al solito Diego Lopez.

Qualche problema di formazione anche in casa Lazio. De Vrij e Mauri hanno recuperato in extremis e saranno regolarmente della partita, ma Pioli dovrà rinunciare a Lucas Biglia a centrocampo: il suo posto sarà preso da Cataldi, con Ledesma in cabina di regia e Parolo incursore. Klose ha vinto il ballottaggio con Djordjevic e partirà dal 1′, mentre Candreva completerà il tridente offensivo.

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Basta, De Vrij, Cana, Radu; Cataldi, Ledesma, Parolo; Candreva, Klose, Mauri. All. Pioli

MILAN (4-3-3): Diego Lopez; Abate, Mexes, Alex, Armero; Poli, Montolivo, Van Ginkel; Cerci, Menez, Bonaventura. All. Inzaghi

Photo credit: InfoPhoto