Sinisa Mihajlovic potrebbe essere il nuovo allenatore della Lazio. E’ lui il numero uno della lista di Claudio Lotito. Il club biancoceleste non sarebbe stato infatti convinto dall’impatto che Simone Inzaghi ha avuto con la prima squadra.

L’andamento delle quattro partite che hanno visto Inzaghi junior in panchina, due vittorie iniziali, alle quali sono però seguite altrettante sconfitte, avrebbero fatto suonare un campanello d’allarme.

Entrambi, tecnico e società, hanno dichiarato di voler utilizzare le ultime partite di una stagione difficile per valutare l’opportunità di proseguire il rapporto anche per il futuro, ma, secondo quanto starebbe filtrando da Formello, il futuro dell’ex attaccante sarebbe segnato.

Tare per il momento non si sbilancia, ma una frase pronunciata poco prima di Sampdoria-Lazio lo ha tradito: “Abbiamo idee chiare, il nome del nuovo allenatore lo comunicheremo al momento opportuno”.

Un aggettivo, quel “nuovo”, che è tutto un programma. E allora largo alla ridda di nomi che in casi del genere si scatena puntualmente.

Mihajlovic è il preferito di Claudio Lotito (e probabilmente di una tifoseria che non ne ha certamente dimenticato il passato in biancoceleste) e per questo è il favorito alla corsa della panchina.

Tare preferirebbe invece Vincenzo Montella, mentre i vari Walter Mazzarri (fermo ormai da un anno) De Biasi (impegnato con la nazionale albanese), Ventura e Prandelli, sono al massimo outsiders.

Ma, al di là, del tecnico che siederà in panchina, la dirigenza biancoceleste sarà chiamata ad effettuare un mercato di alto profilo per dimenticare l’attuale stagione.

Lotito ha intanto smentito le voci intorno a presunti investitori russi che sarebbero stati pronti a rilevare quote della ss Lazio: “Solo invenzioni”, ha dichiarato il presidente.