In questi giorni l’ambiente Lazio è a di poco fervente. Il rigore contro il Genoa è stata la cosiddetta goccia che ha fatto traboccare il vaso, tanto da far perdere la pazienza pure al sempre placido mister Pioli, che nel dopo partita si è lamentato senza mezzi termini della direzione dell’arbitro Gervasoni.

Lotito, nonostante la doppia posizione di presidente della Lazio e neoeletto consigliere federale non ha usato mezzi termini: “Gli arbitri ce l’hanno con me, eppure da consigliere federale ho fatto tanto per la loro associazione. È chiaro che da qualche tempo io e la Lazio siamo penalizzati, ora voglio il sorteggio integrale”

Per quanto riguarda la frase “Preparate i passamontagna”, che il patron ha pronunciato uscendo dallo stadio dopo la sconfitta col Genoa, Lotito ha poi voluto calmare gli animi dichiarato oggi all’Ansa che si stava semplicemente riferendo all’atto di indossare il copricapo di lana perché sentiva molto freddo, motivo per cui si è ammalato e ora sta prendendo degli antibiotici.

E sul discorso sorteggio integrale? Queste le parole di Lotito all’Ansa: “Ho solo riferito il pensiero della stragrande maggioranza di noi presidenti di Serie A. Nell’ultimo consiglio di Lega di venerdì scorso, Preziosi e molti altri lo hanno ribadito come necessità imprescindibile, unita all’utilizzo della tecnologia, ai fini della certezza del giudicato e per evitare qualsiasi esercizio di dietrologia ex post”.