Match estremamente delicato quello dell’Olimpico in serata che vede l’anticipo della 15a giornata di Serie A partire a razzo con la super-sfida Lazio-Juventus, ovvero tra due realtà che stanno vivendo momenti contrapposti di forma. Da una parte i biancocelesti in piena crisi di gioco e di risultati, dopo aver perso due importanti scontri diretti nel derby con la Roma e contro il Milan, e dopo aver sfigurato col Palermo e con l’Empoli. Dall’altra una Juve che è tornata prepotentemente a scalare le alte vette della classifica grazie a una serie positiva di vittorie e alla qualificazione in Champions League che rappresenta sempre un plus in fatto di fiducia e autostima.

Pioli sa che per lui la sfida dell’Olimpico potrebbe voler significare l’esonero, senza mezzi termini. Il recente storico contro i bianconeri non è felicissimo ed è anche per questo che il match contro la Juve diventa ulteriormente complicato. Come se non bastasse, molto probabilmente dovrà rinunciare a un importante giocatore di spinta come Lulic, infortunatosi seriamente a un dito. L’allenatore emiliano sa che contro i tetrascudettati dovrà adottare una tattica che possa garantire aggressività e, nello stesso tempo, grande attenzione difensiva, poiché la Juve risulta sempre micidiale in zona gol.

Il modulo anti-Juventus allora dovrebbe essere il 4-2-3-1 che prevede la presenza di due mediani che insieme hanno sempre fatto abbastanza bene: Biglia e Parolo. Linea difensiva a quattro con Gentiletti e Mauricio centrali e Basta e Radu sulle corsie esterne. Sul fronte offensivo mancherà Felipe Anderson, almeno dal primo minuto. Pioli vuol puntare su Candreva e Kishna sulle fasce e su Milinkovic-Savic che agirà sulla trequarti a ridosso di Klose, la punta più avanzata.

Allegri invece è costretto a rinunciare a Pogba, squalificato. Il suo schieramento di partenza potrebbe essere un 3-5-2 ma vista l’indisponibilità di molti giocatori importanti dovrà un po’ reinventare il suo centrocampo, accentrando ad esempio Alex Sandro al fianco di Sturaro, che ha fatto benissimo a Palermo, e Marchisio in cabina di regia. Evra e Lichtsteiner saranno gli esterni. In difesa il solito muro a tre con Barzagli, Boncci e Chiellini mentre per il tandem offensivo fiducia a Morata al fianco dell’ormai irrinunciabile Dybala.

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Basta, Gentiletti, Mauricio, Radu; Biglia, Parolo; Candreva, Milinkovic-Savic, Kishna; Klose. All. Pioli.

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Sturaro, Marchisio, Alex Sandro, Evra; Dybala, Morata. All. Allegri.