La Juventus interrompe la serie di vittorie consecutive in campionato che si ferma a dodici. E’ la Lazio ad avere l’onore di bloccarla. La sfida tra i bianconeri e il club capitolino termina infatti 1-1 (leggi qui il commento della gara). Grande prova di Llorente. Il Navarro continua a segnare di testa. Ormai il paragone con Trezeguet non pare più così azzardato. Pur non iniziando in maniera troppo positiva, il Re Leone prosegue disputando un grande match. Con il suo fisico eccezionale riesce a difendere molti palloni e  quando aggancia la sfera in area di rigore spalle alla porta è praticamente certo che riesca a girarsi. Un vero top player. Buona prova anche per Storari che deve entrare a freddo per sostituire Buffon. Il portiere juventino riesce comunque a fornire una buona prestazione condita da un miracolo su un colpo di testa ravvicinato di Klose. Negativa la serata di Buffon. Il capitano bianconero commette due evitabili ingenuità. In un caso si addormenta con la sfera tra i piedi favorendo l’intervento di Klose che non riesce a segnare. Non soddisfatto decide di atterrare lo stesso attaccante laziale in piena area juventina provocando il rigore e la sua espulsione. Anche Bonucci non ha regalato una prestazione favolosa. Oggi fatica a ricoprire il ruolo di regista arretrato e quando Conte gli chiede di servire Llorente con lanci lunghi, lui è alquanto impreciso.

Pagelle Juventus

BUFFON 4.5:  Il portierone bianconero appare distratto. Nei primi minuti si incespica con il pallone tra i piedi rischiando di subire una rete rocambolesca. La mente dei tifosi juventini sarà sicuramente tornata al clamoroso gol di Bertolacci due stagioni orsono. Per loro fortuna questa volta l’esito è stato diverso in quanto Klose non sfrutta l’ingenuità del collega. Poco più tardi il capitano bianconero decide di stendere l’attaccante tedesco all’interno dell’area juventina. L’arbitro Massa non ha dubbi: rigore ed espulsione. Svagato.

BARZAGLI 6: Il difensore della Juventus e della nazionale non disputa la sua consueta ottima gara. E’ più impreciso del solito, ma la sua prova è comunque sufficiente.

BONUCCI 5.5: Manca Pirlo e lui dovrebbe prendesi maggiori responsabilità nel cercare di costruire la manovra. Non è apparso in una delle sue migliori giornate. Conte gli chiede di cercare la testa di Llorente, ma i suoi lanci sono abbastanza imprecisi.

OGBONNA 5.5: Paga un errore nell’azione che determina l’espulsione di Buffon. Per il resto la prestazione non è negativa. La sua fisicità e la sua personalità in fase di impostazione possono fare comodo alla Juve. Relegarlo così spesso in panchina rappresenta un lusso.

LICHTSTEINER 6.5: Corre instancabilmente. Dopo l’espulsione di Buffon deve fare e rifare la fascia senza soluzione di continuità. Nonostante tutta questa fatica riesce a trovare la lucidità per effettuare un assist al bacio per la testa di Llorente che realizza l’1-1. I fischi dei suoi ex tifosi sembrano caricarlo più che spaventarlo.

VIDAL 6.5: A centrocampo mette tanta sostanza. Recupera due palloni in scivolata con una facilità imbarazzante dimostrando che, per superarlo, è necessario avere doti marziane. Non è troppo preciso in fase offensiva, ma la sua prova è comunque propositiva e positiva.

MARCHSIO 6: Gioca da regista. Non ha il genio di Pirlo, ma il suo compitino lo porta a temine in maniera sufficiente. Certamente gioca meglio da mezz’ala, tuttavia la sua grande intelligenza tattica gli consente di riuscire a esprimersi bene in qualsiasi posizione. Utile.

POGBA 7: Martedì scorso in Coppa Italia non c’era e la sua assenza si è notata. Oggi è in campo e la sua presenza è importante. La fisicità e la classe del Polpo sono spaventose. Quando vengono meno il centrocampo bianconero ne risente. E’ un giocatore in grado di spostare gli equilibri.

ASAMOAH 6: Finchè rimane in campo disputa una gara sufficiente in costante proiezione offensiva. Conte sceglie lui per lasciare il posto a Storari dopo l’espulsione di Buffon.

(STORARI 7: In vista della sfida contro l’Inter manda segnali positivi. Buffon sarà squalificato, ma lo Storari ammirato oggi è certamente all’altezza. Il colpo di reni sulla testata di Klose da distanza ravvicinata è semplicemente leggendario. Un vero miracolo. Per il resto gioca una sfida attenta non sbagliando praticamente nulla. All’altezza della situazione.)

TEVEZ 7 : Come un diesel inizia un po’ a rilento facendosi anticipare spesso dai difensori biancocelesti, ma nel momento della difficoltà emerge il suo vero carattere. Per lui nulla è difficile. Quando la situazione si complica l’Apache sale in cattedra. Si batte come un leone. L’argentino non trova il gol, ma si muova tra le linee di centrocampo e attacco creando gravi grattacapi alla difesa laziale. Geniale la palla servita a Lichtsteiner in occasione della rete juventina.

LLORENTE 7.5: L’attaccante bianconero  ha iniziato a segnare reti con una continuità disarmante. Il suo gol di testa è una costante da tre gare consecutiva di campionato. Quando i difensori lo vedono sanno che quel giorno è meglio evitare duelli arei. In occasione della rete odierna Biava non poteva marcarlo meglio, ma il Navarro è risuscito comunque a eluderlo e a depositare la palla infondo al sacco con una delicatissima girata aerea in controtempo. Ancora una volta determinate l’asse composto da lui e Lichtsteiner. Come accaduto per ben due volte contro il Cagliari, lo svizzero riesce a trovare l’assist vincente per il Re Leone.

All. CONTE 6.5: Si interrompe la striscia di vittorie consecutive in campionato, ma dodici sono comunque tanta roba. Dopo quanto accaduto con l’espulsione di Buffon e il gol laziale, probabilmente una squadra normale si sarebbe sciolta finendo in pasto all’avversario. La sua Juve no. I bianconeri pareggiano e come se non bastasse cercano di vincere la gara. La mentalità imposta dal tecnico salentino  ai suoi ragazzi è certamente vincente.

Pagelle Lazio: Berisha 6; Biava 6; Cana 6.5; Dias 6; Cavanda 5.5; (Gonzalez 6) Biglia 6; Ledesma 6; Konko 6.5; Candreva 6.5; (Keità 6.5) Hernanes 6.5; Klose 6.5. All. Reja 7.

ARBITRO MASSA: 6.5