Massimiliano Allegri mette nel mirino la Roma alla vigilia di Lazio-Juventus. I bianconeri sognano di proseguire la striscia di vittorie consecutive e la rimonta scudetto.

“Ci vuole equilibrio” ammonisce il tecnico “adesso ci toccano Lazio e Fiorentina, due scontri diretti. Ora come ora non pensiamo allo scudetto, ma ai nostri piccoli obiettivi. Innanzitutto puntare al quarto posto e superare la Roma”.

Nell’ultimo mese la Juventus ha rosicchiato 2 punti al Napoli, 3 all’Inter, 4 alla Fiorentina e ben 8 alla Roma, ma Allegri ribadisce che in questo momento i bianconeri non guardano avanti, ma solo a se stessi. E fa una metafora ciclistica.

“Non siamo in un gruppo, ma in una gara a cronometro. Dobbiamo badare a noi stessi, fare i nostri punti. Bisogna avere bene in chiaro il fatto che finora non abbiamo fatto nulla. Credo che difficilmente la quota scudetto sarà sotto la soglia degli 80 punti”.

Il Napoli è in testa. Merito solo di Higuain? “No. I singoli fanno la differenza solo se supportati dalla squadra. Uno scambio con Dybala? Non scambierei nessun calciatore della Juventus. Dybala poi sta facendo benissimo, abbiamo fatto un ottimo acquisto”.

Domani, intanto, c’è la Lazio. E la Juventus dovrà rinunciare a Khedira e Pogba. “I biancocelesto vorranno riscattare la sconfitta di Shanghai e per questo la partita sarà particolarmente dura. E’ improbabile che utilizzi un classico 4-4-2, dovrò valutare le condizioni di diversi elementi, tra questi Lemina e Asamoah. Non so ancora chi giocherà in attacco. Ci sono Morata, Mandukic e Zaza. Vedremo”.

Negli ultimi giorni è venuto fuori un interessamento di Manchester United e Chelsea per Allegri: “Ho unn contratto con la Juventus fino al 2017 e qui sto bene”.