Sontuoso posticipo serale della 35a giornata di Serie A che vede di fronte Lazio e Inter impegnate all’Olimpico in una sfida dal sapore tutto europeo, anche se ovviamente con obiettivi diversificati: la Champions League per i biancocelesti e l’Europa League per i nerazzurri. La sconfitta della Roma a San Siro contro il Milan maturata nell’anticipo serale offre alla Lazio importanti motivazioni in più per il suo obiettivo europeo con i giallorossi ora a una sola lunghezza nella corsa a quel secondo posto che oltre a significare Champions possiede il valore di essere vicecampioni d’Italia arrivando orgogliosamente prima dei rivalissimi della Roma. In casa Inter invece ci si augura che la stangata Uefa di venerdì scorso non abbia fatto passare la voglia di Europa League, poiché anche se la corsa alla qualificazione appare piuttosto trafficata, nelle quattro giornate conclusive il raggiungimento di piazzamento Uefa non è così impossibile.

Nella Lazio il sorriso è di casa poiché Pioli recupera De Vrij e Biglia dagli infortuni e Miro Klose dalla squalifica. L’andamento delle ultime gare post sconfitta di torino non è felicissimo ma la Roma battuta dal Milan rimasta a un solo punto di distanza, come già detto, sono motivi di entusiasmo. De Vrij non è ancora al massimo e per questo potrebbe partire titolare Ciani in coppia con Mauricio al centro della difesa. Il principito invece farà coppia con Parolo, in formissima in questa parte finale di campionato. Si ferma Lulic per un problema muscolare ma l’offensiva biancoceleste è di quelle da paura, con Mauri sulla trequarti, Candreva e Anderson (autore ci una magica doppietta all’andata) sull’esterno e Klose punta centrale.

Per l’Inter la trasferta dell’Olimpico rappresenta anche un po’ la partita degli ex. Mancini ritrova lo stadio che lo ha visto grande nella sua ultima parte di carriera, Hernanes è il giocatore che i nerazzurri sono riusciti a strappare dalle grinfie di Lotito a suon di milioni. Al brasiliano sarà affidata nuovamente la trequarti con l’ordine tassativo di illuminare l’attacco formato ancora una volta dalla premiata ditta argentina Palacio-Icardi e di provarci come aveva fatto contro la Roma. In difesa torna Santon sulla corsia di destra, per la sinistra c’è Juan Jesus con Ranocchia e Vidic centrali. Medel schermerà la difesa mentre Guarin e Gnoukouri (preferito a Brozovic non in forma smaliante nell’ultimo periodo) fungeranno da mezzali. L’armata dei delusi7deludenti Kovacic, Shaqiri e Podolski è pronta al subentro.

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Basta, Ciani, Mauricio, Radu; Biglia, Parolo; Candreva, Mauri, F.Anderson; Klose. All. Pioli.

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Guarin, Medel, Gnoukouri; Hernanes; Palacio, Icardi. All. Mancini.