Tra le squadre che non hanno ancora trovato un allenatore per la prossima stagione, c’è sicuramente la Lazio, che da settimane sta cercando l’uomo giusto per la panchina. Nelle ultime ore sembrano salite parecchio le quotazioni del “Loco” Bielsa, vecchio pallino della dirigenza biancoceleste, che finora non aveva approfondito a dovere la conoscenza con l’ex tecnico di Cile e Argentina probabilmente perché spaventata dall’ingaggio troppo alto.

Proprio per questo, la società guidata da Claudio Lotito si era messa in moto per cercare un’alternativa altrettanto affascinante, sondando molti altri tecnici, tra cui l’ex commissario tecnico della nazionale italiana Cesare Prandelli, che probabilmente accetterebbe di buon grado la proposta dei biancocelesti. Il nome dell’ex allenatore del Galatasaray, tuttavia, resta al momento l’alternativa principale al “Loco”. La Lazio vuole avviare una trattativa seria con Bielsa, vuole capire se effettivamente si può portare in Italia uno degli allenatori più discussi degli ultimi anni. Per farlo ha proposto al tecnico un contratto biennale di 2 milioni di euro netti a stagione, più bonus legati ai risultati. L’ex Marsiglia però ne chiede almeno 2,5, dunque la trattativa andrà avanti. Anche perché ci risulta che il presidente della Lazio Lotito sia rimasto parecchio impressionato dal carattere dell’argentino e ha individuato in lui l’uomo ideale per riportare in alto la sua Lazio.

Bielsa è sicuramente conosciuto, oltre che per gli ottimi risultati spesso conseguiti dalle sue squadre,  per il suo approccio metodico, quasi scientifico allo studio delle partita. Le prepara in modo quasi maniacale, cercando di curare ogni dettaglio con metodologie sicuramente diverse da qualsiasi altro tecnico. Ha un carattere eccentrico che lo porta a fare numerose “stranezze” comportamentali, ma è tuttora riconosciuto come uno degli allenatori migliori in circolazione. Possiede estimatori in tutto il mondo e difficilmente rinuncia a una sfida, se il progetto lo affascina. Inizia allenando le giovanili dei Newell’s Old Boys, dove trova i giovanissimi Gabriel Batistuta, Abel Balbo e Néstor Sensini. Nel 1990 gli viene affidata la prima squadra del club e vince il campionato di Apertura, mentre nel 1992, sempre alla guida dei Newell’s, porterà a casa il campionato di clausura, che riuscirà a vincere anche nel 1998 con il Velez. Da commissario tecnico dell’argentina, Bielsa conquista la medaglia d’oro alle olimpiadi del 2004 ad Atene.

Per la Lazio non sarà affatto una trattativa facile, questo è bene dirlo. Però pare ormai che i contatti si stiano facendo sempre più frequenti, la società biancoceleste lavorando sotto traccia percepisce buone sensazioni di poter arrivare a dama. Il “Loco” Bielsa alla Lazio è ben più che una semplice idea.