Lance Armstrong (foto by InfoPhoto) non è ancora stato ascoltato dal grande pubblico, ma le prime anticipazioni rimbalzano già sui giornali d’Oltreoceano. Un’ora e mezza di colloquio con  Oprah Winfrey in un hotel di Austin dopo le scuse fatte dal texano ai membri della sua fondazione Livestrong.

Secondo il Washington Post, il sette volte vincitore del Tour de France ha parlato di doping endemico nel ciclismo durante il suo periodo d’oro alla Grande Boucle ma nessuno dei suoi compagni di squadra sarebbe stato costretto a fare uso di sostanze dopanti. Oltre ai 7 titoli che gli sono stati tolti per demerito ora anche il CIO ha chiesto all’ex campione americano di restituire il bronzo olimpico conquistato a Sidney nel 2000.

In attesa di goderci lo show completo, Armstrong si è opposto al giudizio che l’Usada, l’agenza americana anti-doping, ha dato su di lui etichettandolo come un ‘cervello del più sofisticato programma di doping della storia’. Secondo l’ex corridore texano ci sarebbero altri atleti dell’US Postal Service che avrebbero fatto uso di sostanze proibite nel periodo precedente di unirsi al team. Ma la domanda che imperversa è anche e sopratutto un’altra: Armstrong riuscirà a trovare almeno in parte il perdono dal pubblico americano?

In Italia l’intervista sarà trasmessa in esclusiva in due puntate: venerdì 18 e sabato 19 sempre alle ore 21.15 su DMax (canale 808 di Sky e 52 del digitale terrestre).

LINK UTILI

Le accuse della Usada contro Armstrong

Livestrong: picco di donazioni dopo la rinuncia alla causa