Carolina Kostner ha ammesso le sue colpe e, di conseguenza, la sua squalifica per doping è stata retrodatata, cosa che le permetterà di rientrare alle gare ufficiali a partire da gennaio 2016.

La notizia è stata data dal Coni, che tramite una nota ufficiale ha annunciato la riammissione della Kostner alle competizioni dal 2016 dopo aver definito con una transazione la controversia con la WADA e la NADO italiana: “La vicenda disciplinare che vede coinvolti l’atleta italiana di pattinaggio Carolina Kostner, l’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA) e l’Ufficio di Procura Antidoping (UPA) della NADO Italia – si legge sul sito del Comitato Olimpico Nazionale Italianorelativa ad una contestata violazione delle Norme Sportive Antidoping da parte della Kostner, è stata definita mediante un accordo tra le parti”.

E’ ormai famosa la vicenda di Carolina Kostner e dell’allora fidanzato, Alex Schwazer: il 30 luglio 2012, un incaricato ai controlli antidoping si recò a casa dei due per effettuare un controllo su Schwazer. La Kostner, in quel caso, mentì e disse che questi non era in casa: “La Kostner ha in seguito ammesso di aver commesso un grave errore di giudizio non riferendo la verità all’addetto ai controlli e ha riconosciuto che la sua condotta rappresentava una violazione delle norme antidoping italiane – prosegue la nota del Coni – le parti hanno concordato di aumentare la sanzione imposta in primo grado dal Tribunale Nazionale Antidoping, che era di sedici mesi, di ulteriori 5 mesi. La decorrenza del periodo di ineleggibilità di 21 mesi è però retrodatata al 1° aprile 2014, in considerazione di lungaggini procedurali non attribuibili alla Kostner. La Kostner avrà quindi la possibilità di tornare nuovamente alle competizioni a partire dal 1° gennaio 2016”.