Ieri sera allo Stadio Olimpico di Roma è andata in scena l’ultima partita in Serie A di Miroslav Klose, attaccante tedesco che da ormai cinque stagioni veste la maglia della Lazio. Dopo parecchio tempo, si è rivista una cornice di pubblico cospicua, i tifosi hanno deciso evidentemente di sospendere la doppia protesta: contro le barriere poste nelle curve e contro il presidente Lotito, colpevole, secondo alcuni, dell’impoverimento tecnico della squadra.

L’ultima volta di Klose con la Lazio non poteva che essere bagnata da un gol, elemento che ha contraddistinto tutta la sua carriera e che non poteva proprio mancare nella partita d’addio ai colori biancocelesti: contro la Fiorentina è andato a segno su rigore, invocato a gran voce dai tifosi. Sul dischetto si stava presentando Felipe Anderson, ma il volere del pubblico è stato chiaro: volevano lui, volevano Miro Klose a tirare quel rigore. «Il pubblico mi ha spinto a tirare il rigore? Si, mi ha fatto pressione. Non li tiro mai i rigori, ma è andata bene – racconta il tedesco ai microfoni di Mediaset Premium -. Il gol più bello di questa avventura biancoceleste? Il primo nel derby all’ultimo secondo, ho visto piangere i tifosi, mi è rimasto nel cuore. È stata un’emozione indescrivibile. Se è stata la mia ultima partita in assoluto? Non lo so ancora, ho parlato con il mio agente, ci siederemo insieme, vedremo cosa c’è sul tavolo e decideremo. La partita più bella con la maglia della Lazio? La finale di Coppa Italia contro la Roma, è stata spettacolare».

Con la rete messa a segno nella partita di ieri, Klose raggiunge Goran Pandev a quota 64 gol in maglia biancoceleste, diventando così il miglior realizzatore straniero nella storia della Lazio insieme al macedone.

Non ha dunque ancora deciso Klose se continuare oppure no, l’unica cosa che sembra certa è che non indosserà più la maglia della Lazio: «Non so se è stata la mia ultima partita in assoluto – ha rivelato -. Ho parlato con il mio agente, vedremo cosa c’è sul tavolo e poi decideremo». Tra l’emozione per il saluto con i tifosi, coronato da un giro di campo e una maglia celebrativa, non  è mancato lo spazio per una piccola stoccata a Lotito quando gli è stato chiesto se dalla società qualcuno avesse provato a convincerlo a restare alla Lazio: «Non hanno parlato con me, quindi… Se sei una società, mica decido io che voglio andare via». Parole che certamente faranno infuriare ancora di più i tifosi, che vedono l’ennesimo idolo andar via da Roma.

Miroslav Klose è arrivato alla Lazio nella stagione 2011-12 tra vari dubbi circa la sua condizione fisica, subito fugati dopo una manciata di partite. In questi anni con la società biancoceleste ha realizzato 139 presenze in Serie A condite da 54 reti. In carriera ha praticamente vinto tutto: 2 campionati tedeschi, 2 Coppe di Germania, 1 Supercoppa di Germania con il Bayern Monaco, 2 Coppe di lega con il Werder Brema prima e successivamente con il Bayern Monaco. Ha vinto una Coppa Italia con la Lazio e la Coppa del Mondo con la Germania.