Keisuke Honda è ufficialmente un giocatore del Milan. Il talentuoso calciatore giapponese è partito dall’aeroporto di Tokyo in mattinata ed è arrivato alle 18.30 a Malpensa. Ad accogliere la nuova stella rossonera molti giornalisti e tifosi. Il fantasista della Nazionale di Alberto Zaccheroni, che avrà la maglia numero dieci, era accompagnato dal fratello-manager e la prima persona che ha incontrato appena sbarcato nel mondo milanista è stato il direttore organizzativo della società rossonera, Umberto Gandini.

“Essere qui è un sogno che diventa realtà”, queste le prime parole di Honda che ha aggiunto, “Capisco la situazione, so che tutti si aspettano molto da me. Io penso di poter fare qualcosa di speciale, di cambiare qualcosa, sono fiducioso. Sono pronto per giocare, ho dormito bene in aereo. Sono molto contento di incontrare i miei nuovi compagni, non vedo l’ora, guardavo sempre il Milan in tv sono davvero felice di essere arrivato: il Milan è una leggenda, questo è il mio sogno che diventa realtà”.

Per il debutto in campionato, non potrà giocare in Champions League, il calciatore sembra pronto e lo dice. La stella nipponica, nono giapponese nella storia del nostro calcio, è sembrata a tutti una persona cordiale ed educata, nonostante le molte ore di volo, e sembra che la settimana prossima a Reggio Emilia col Sassuolo possa sedersi almeno in panchina.

Dopo l’arrivo di Honda e Rami, il calciomercato di riparazione del Milan non sembra fermarsi qui.