La Juventus batte 1-0 un’ ottima Udinese allo Juventus Stadium e si porta a tre punti di distacco in classifica dalla Roma che oggi non è andata oltre il pari a Bergamo contro l’Atalanta. Conte schiera la squadra con il 3-5-2.  I bianconeri partono con il piede sull’acceleratore e grande ritmo. Creano alcune occasioni da gol con magnifiche trame e ottimi inserimenti di Marchisio. Dopo i primi venti minuti l’Udinese pare riuscire a trovare maggiori contromisure e i campioni d’Italia allentano un po’ la pressione. Nella ripresa la Juve spinge, ma fatica a trovare il gol a causa di un avversario che si chiude bene e dimostra di sapere anche ripartire in contropiede. Nel finale Conte inserisce Quagliarella per De Ceglie e utilizza il 4-3-3. La squadra schiaccia i friulani e ancora una volta Llorente toglie le castagne dal fuoco trovando la rete al 90′ con una deviazione di testa su tiro di Lichtsteiner.

Nelle ultime cinque gare di campionato la difesa juventina non ha mai subito reti. Oggi Conte recupera Barzagli e schiera la sua linea arretrata a tre. Si ricompone il terzetto protagonista dei recenti successi bianconeri.  Il reparto, messo sotto pressione solo da qualche contropiede friulano, disputa una gara attenta rischiando solo su un errore in disimpegno di Bonucci e su alcune ripartenze ospiti. Il centrocampo a cinque deve fare a meno di Asamoah  squalificato, sostituito da De Ceglie e, ancora una volta, di Lichsteiner (che subentra nella ripresa) al posto del quale vi è Padoin. Dopo 13 minuti il tecnico salentino è costretto a sostituire Pirlo per una botta al ginocchio ricevuta da Lazzari. Al suo posto entra Pogba tenuto inizialmente in panchina. Nonostante le assenze e i contrattempi il reparto disputa una discreta partita anche se l’assenza di Pirlo si è fatta sentire parecchio in fase di impostazione. A inizio match Marchisio si avventura in interessanti inserimenti. In attacco viene dato spazio alla coppia del momento: Llorente-Tevez. Tra campionato e Champions League è la quinta volta consecutiva che l’allenatore bianconero decide di schierare dal primo minuto il tandem composto dall’Apache e dal Re Leone. Nelle recenti gare i due hanno dimostrato di avere ottime qualità e anche questa sera si sono cercati e trovati con ottime combinazioni. L’intesa pare crescere di partita in partita, ma a volte i due sono un po’ leziosi. Lo spagnolo trova anche il gol.

Dopo la vittoria sul Copenaghen in Champions League, che permette ai bianconeri di potere accedere agli ottavi anche con un pareggio nella prossima difficile trasferta di Istanbul contro il Galatasaray, la Vecchia Signora era chiamata a tenere alta la concentrazione anche in campionato. Conte prima della gara odierna aveva affermato ‘Le bucce di banana sono dietro l’angolo e domani contro l’Udinese ci potrebbe essere una buccia di banana. Questo noi lo sappiamo, lo dobbiamo sapere e dobbiamo stare molto, molto attenti’. I campioni d’Italia hanno dimostrato di avere recepito il messaggio disputando una gara attenta. L’unica eccezione è rappresentata da qualche eccesso di leziosità come alcuni disimpegni un po’sui generis di Bonucci.

Lo Juventus Stadium vive oggi una giornata particolare: le Curve Nord e Sud sono squalificate a causa dei cori della partita Juve-Napoli e la società bianconera ha dato origine all’iniziativa ‘Gioca con me, tifa con me’ grazie alla quale questi settori sono stati riempiti con più 12.000 bambini (mai così tanti under 13 allo stadio per una gara di serie A), che oltre a godersi la partita, hanno potuto partecipare a workshop e progetti.  Con riferimento alla squalifica Conte ha sottolineato  ‘il dispiacere da parte mia, da parte dei ragazzi, da parte della Juventus, il fatto di non poter contare sui nostri  tifosi, è un danno molto, molto ingente. Ci sono delle regole, bisogna rispettarle. Dico anche che ci sono episodi altrettanto gravi che dovrebbero portare a eguali sanzioni. I cori beceri sono da condannare, ma sono da condannare altrettanto cose ben più gravi come l’offesa dei morti e quando si devastano settori degli stadi.’  Riguardo all’iniziativa ‘Gioca con me, tifa con me’ afferma ‘Mi auguro un giorno di vedere tantissimi bambini in curva insieme agli ultras in un clima educativo’. Oggi allo stadio l’atmosfera è stata particolare, ma splendida e la Juve ha ricevuto parecchi complimenti da molti.

A cura di Giovanni Battista Terenziani