La sentenza del Collegio di Garanzia del Coni, in merito ai fatti relativi all’esplosione della bomba carta lanciata nel derby della Mole nell’aprile scorso che causò il ferimento di una decina di tifosi granata, dopo la sospensione e l’accoglimento del ricorso effettuato dalla società, conferma la sanzione per  la Juventus, ovvero una giornata di squalifica della Tribuna Sud dello Juventus Stadium, ma il club bianconero sul suo sito ufficiale ha espresso il proprio disappunto: “colpisce la Juventus e parte dei suoi abbonati” e, proseguendo polemicamente contro la decisione del Coni, commenta “da aprile ad oggi nulla è successo” per risolvere “l’urgenza di adeguare tutti gli stati di serie A alle più comuni misure e tecnologie di sicurezza“.

Di seguito il comunicato integrale pubblicato sul sito ufficiale della Juventus.

In occasione della partita Juventus-Chievo la Tribuna Sud rimarrà chiusa, in seguito alla decisione del Collegio di Garanzia dello Sport del CONI. Tale decisione, che ha confermato i precedenti gradi di giudizio, colpisce la Juventus e parte dei suoi abbonati nonostante l’autore del reato non sia né abbonato né fosse in possesso di regolare biglietto per accedere allo Stadio Olimpico in occasione del derby di aprile. La Juventus ribadisce l’urgenza di adeguare tutti gli stadi di Serie A alle più comuni misure e tecnologie di sicurezza perché le responsabilità collettive e, soprattutto, individuali, siano rapidamente acclarate e sanzionate in occasione di incidenti deplorevoli come quello avvenuto nello Stadio Olimpico di Torino. Da aprile ad oggi nulla è successo. Pertanto la Società ha deciso di non riproporre l’iniziativa Gioca con Me – Tifa con me, che nelle stagioni scorse aveva coinvolto migliaia di bambini in deroga ad analoghi provvedimenti