Juventus-Siviglia è la gara dell’ex per Ciro Immobile. Alla vigilia del secondo match di Champions League 2015/2016 , l’attaccante dichiara che in caso di gol esulterà, non aderendo alla tendenza che vuole la rete dell’ex salutata da una faccia da funerale.

‘Esulterò, ma non perché abbia qualcosa contro la Juventus, ma perché il gol mi manca troppo. Non vado a segno da marzo, potrei fare di tutto’.

Immobile è un ex della Juventus, ma anche del Torino. ‘Non indosserò la maglia granata sotto quella del Siviglia. Ho grande affetto per il Torino, ma questa per me è una partita speciale perché affronto una italiana da calciatore di una squadra straniera’.

5 Punti la Juventus, 5 punti il Siviglia. Per entrambe le formazioni non è stato un grande avvio nei rispettivi campionati. ‘Abbiamo cambiato tanto, ma noi seguiamo le indicazioni di Emery e abbiamo fiducia. Purtroppo la dea bendata non ci ha aiutato molto, ma siamo tornati alla vittoria e una vittoria a Torino potrebbe rappresentare la svolta stagionale’.

‘Il nostro problema principale’, spiega ancora Immobile ‘è il fatto di aver cambiato molti calciatori. E’ charo che alcuni meccanismi vadano perfezionati’.

Juventus e Siviglia nella stessa barca dunque? ‘Ci sono delle similitudini. I bianconeri a livello di singoli sono una grandissima squadra, che può lottare per lo scudetto. Anche loro hanno bisogno di ritrovarsi a livello di squadra, ma la qualità non è in discussione,come quella di Pogba’.

Immobile non si fida della crisi bianconera: ‘Mi aspetto che la Juventus faccia la stessa partita di Manchester, non quella che ha fatto in casa contro il Frosinone. Chi toglierei ai bianconeri? Chiellini o Bonucci’.