Giorni di attesa per il mercato della Juventus, caratterizzati dalla ricerca infruttuosa del trequartista tanto sospirato da Allegri, un problema che per la Juventus si fa giorno dopo giorno sempre più critico, visto l’incedere del countdown verso la conclusione del mercato e a una settimana di distanza dall’inizio del campionato. Complicate, per non dire perdute, le piste tedesche che portano a Julian Draxler dello Schalke 04 e a Mario Götze del Bayern Monaco (per quanto riguarda il primo, il club di Gelsenkirchen non sembra più intenzionato a cederlo e comunque l’offerta dei bianconeri è troppo bassa, Götze invece ha fatto sapere di voler rimanere in Baviera).

La Juventus sta virando su altre alternative, rappresentate principalmente da Cuadrado o Ramires del Chelsea, solamente che anche dalle parti di Stamford Bridge le cose non appaiono semplicissime. Cuadrado è valutato 30 milioni e comunque il club di Abramovic non vorrebbe disfarsene svendendolo dopo aver investito una cifra importante, Ramires invece gode della massima considerazione da parte di Mourinho, che seppur utilizzandolo poco, lo ritiene un giocatore importantissimo in chiave turnover. La Juventus allora sta valutando ulteriori alternative che portano a Gündogan del Borussia Dortmund, che però – come Draxler – ha un recente passato condizionato da seri infortuni (quello alla schiena lo ha tenuto fuori quasi un anno, facendogli saltare anche il mondiale) e a Soriano della Sampdoria, sul quale tuttavia è fortissima la concorrenza di Milan e Juventus.

Anche la trattativa più certa e veloce, quella che riguarda l’esterno sinistro dell’Atletico Madrid Guilherme Siqueira, si sta complicando. Formalmente quello con il terzino brasiliano è un affare già fatto poiché c’è già l’accorso da tempo sia col giocatore che con il club d’appartenenza, mancano solo le firme. Il problema è che l’ad juventino Beppe Marotta e il ds Fabio Paratici hanno messo in stand-by l’operazione per via della nuova posizione di Alex Sandro. L’esterno del Porto infatti ha espresso la volontà di non rinnovare col Porto. Questo significa che nel 2016 andrà via dai Dragões a parametro zero, a meno che il Porto non riesca a venderlo prima, abbassando dunque sensibilmente la clausola rescissoria di 25 milioni. La Juventus sta cercando di capire se ci sono le condizioni per acquistare il giocatore chiedendo tempo all’Atletico Madrid e al giocatore, i quali però non la stanno prendendo affatto bene, con il rischio che l’affare possa saltare.