Quella tra il centrocampista della Juventus Arturo Vidal (foto by Infophoto) e il Manchester United è una telenovela che pare non finire mai. La chiusura dell’ultima sessione di calciomercato aveva fermato le voci che per tutta l’estate avevano tenuto banco vestendo il cileno un giorno di bianconero un giorno di rosso, ma come le migliori fiction prima o poi ritornano. Ecco allora che Tuttosport rilancia la notizia. I Red Devils sono protagonisti di un inizio di stagione alquanto complicato e, considerato l’attacco stellare di cui dispongono (Di Maria, Falcao, Rooney, Van Persie),  i problemi sembrano essere soprattutto in difesa e a centrocampo. Allora torna di moda il nome del Guerriero. Servirebbero 50 milioni, ma è difficile che la Vecchia Signora si privi del suo centrocampista. E’ vero che tutto quel denaro fa gola, che le recenti prove di Pereyra da vice del cileno hanno soddisfatto e i Campioni d’Italia sono riusciti a ottenere risultati molto positivi anche senza Vidal (ora pronto a rientrare), ma privarsi di un giocatore con le sue caratteristiche è davvero rischioso. Si è detto spesso che la grande vittoria del calciomercato juventino è stata quella di mantenere Re Artù a Torino, sarebbe un peccato privarsene nell’immediato futuro, in particolare se si centra l’auspicabile passaggio agli ottavi di Champions League.

Un altro centrocampista è protagonista delle voci odierne di calciomercato. Si tratta di Rabiot (classe 1995 centrocampista centrale, di sinistra o trequartista) del Psg. Il suo contratto scadrà nel 2015 e il ragazzo non pare avere intenzione di rinnovare. Su di lui ci sono molti top club europei tra cui Juve e Roma. Ecco le parole di Blanc: ‘Il Psg chiarirà presto‘ prosegue ‘Ha chiesto di giocare nel CFA (il campionato francese delle riserve, ndr)… E’ una cosa buona per lui perché ha bisogno di collezionare minuti in campo. In ogni caso il club chiarirà presto la sua situazione’.

Intanto dalle colonne di Libero, Luciano Moggi lancia una clamorosa indiscrezione sul futuro dirigenziale bianconero. Secondo l’ex direttore generale  sarebbero pronti incredibili ribaltoni nei vertici della Vecchia Signora. Marchionne, neo presidente della Ferrari, gradirebbe che Andrea Agnelli divenisse il nuovo numero uno della Scuderia modenese. Agnelli è un vincente e occorre che il Cavallino Rampante torni a ottenere grandi risultati sportivi. Secondo Moggi il nuovo presidente della Juve potrebbe essere Pavel Nedved da lui definito un ‘puro cuore bianconero‘ . Sarebbe un altro cambiamento epocale nell’arco di pochi anni.

A proposito di dirigenza juventina. Ieri il nuovo c.t. della nostra Nazionale, Antonio Conte, è stato ospite alla trasmissione il Processo del lunedì e ha dichiarato: ‘Non si è incrinato niente con Andrea e i dirigenti Marotta e Paratici. Il rapporto resta. Ho pensato e detto che dopo tre anni così intensi si era giunti all’epilogo del rapporto. Quando si è forti a livello sentimentale e si dà tutto, c’è un momento in cui è giusto separarsi per il bene di tutti. L’ho esternato ad alcuni calciatori, alla proprietà e ai dirigenti. Più difficile da far capire al tifoso, ma tutto è stato fatto a fin di bene’. Il salentino ci tiene anche a sottolineare che ‘la Juve in tre anni ha costruito un grattacielo dal nulla e si è lavorato tantissimo tutti insieme. La casa è solida, è inevitabile che si debba andare avanti per questa strada e lo farà per molto tempo. Sentir dire da qualche giocatore che aver cambiato sia stato giusto, mi ripaga di tante illazioni che mi si sono riversate contro dopo la mia scelta’. Effettivamente questo inizio di stagione gli sta dando ragioneProsegue ‘la Roma sta facendo un percorso simile al nostro. Avrebbe vinto lo scudetto se non avesse incontrato l’anno scorso una Juve mostruosa. Sta cercando di fare lo stadio, ha fatto un mercato intelligente, ma vedo ancora la Juve favorita’. 

LEGGI ANCHE:

Juventus serie A: Inzaghi torna sul rigore negato a Menez, Tevez non va in Nazionale, Pereyra sì

Fantacalcio serie A 4.a giornata: chi schierare nella formazione

Calendario Juventus: recuperi Barzagli, Pirlo e Vidal, infortunio Caceres