Il primo faccia a faccia tra Juventus e Roma si avvicina sempre di più. Dopo aver perso 1-0 al Calderon di Madrid contro l’Atletico in Champions League (leggi qui i dettagli e le foto dell’incontro) tra poco più di 48 ore i bianconeri saranno nuovamente in campo, allo Stadium, nella super sfida di campionato contro i giallorossi.

Quella di domenica non sarà una gara fondamentale in ottica Scudetto (a proposito in un’intervista rilasciata a Raisport Ancelotti afferma: ‘sullo Scudetto mi sbilancio: lo vince la Roma’), ma certamente potrà fornire prime interessanti risposte. Le due compagini si trovano appaiate in testa alla classifica a quota 15 punti (punteggio pieno). I bianconeri si presentano al match con zero reti al passivo in serie A, mentre i ragazzi di Garcia hanno subito un solo gol contro il Parma al Tardini. Attualmente sono le due dominatrici del nostro massimo campionato. Sarà  interessante vederle una di fronte all’altra. La Vecchia Signora è consapevole che la sconfitta in Champions (leggi qui) è stata un incidente di percorso.

Relativamente a ciò Bonucci afferma a Tuttosport: ‘Ciò che ci spingerà a dare il massimo contro la Roma non sarà semplicemente l’input di riscattare la sconfitta in Champions. Bensì quello, che varrà per tutta la stagione, di dimostrare che siamo ancora forti. Anzi, ancora più forti di prima nonostante i cambiamenti. Era l’obiettivo che ci eravamo posti ad inizio stagione e resta l’obiettivo che abbiamo in mente: non è certo uno 0-1 in Spagna a poter scalfire le nostre certezze o cambiare i nostri progetti. Anzi: la sconfitta, per il modo in cui è maturata, alimenta ancora di più le nostre convinzioni‘. In ogni caso dopo questa gara ci sarà la sosta per le nazionali e passare due settimane senza impegni ufficiali con due risultati negativi alle spalle sarebbe deleterio pure per il morale. Meglio non sbagliare, quindi.

Passando al capitolo infortunati. Questione Andrea Pirlo: il bresciano potrebbe rientrare, per la prima volta dopo il Trofeo Tim dello scorso 23 agosto, nell’elenco dei convocati. Molto difficile che sia titolare, più probabile che si accomodi in panchina. Vengono i brividi se si pensa al suo possibile duello con Francesco Totti. Se lo juventino potrà essere della partita si incontreranno due campioni assoluti, due straordinari giocatori. Geni del calcio, icone. Intanto per il talento bresciano si rifanno vive le voci che lo avvicinerebbero ai Los Angeles Galaxy, ma dovrebbe rimanere a Torino. Situazione differente per Caceres. Martin proverà a recuperare dalla lussazione alla spalla. A proposito dell’uruguayano il calciatore, in scadenza di contratto nel 2016, ha raggiunto un accordo di massima per il rinnovo e si potrebbe legare praticamente a vita con i bianconeri. Morata, invece, pare aver superato il fastidio muscolare che lo affliggeva. Il bomber, appena convocato dall’under 21 spagnola, dichiara a Jtv: ‘Mi sento bene penso di star migliorando sempre quindi sono già disponibile e ho tantissima voglia di partecipare alla sfida di domenica contro la Roma’. E aggiunge ‘Juve-Roma sarà un po’ come il “clasico” in Spagna Real Madrid-Barcellona: entrambe partite importanti, ci vorrà massima concentrazione’. Non sarà, invece, ancora disponibile Barzagli.

La condizione fisica del toscano potrebbe iniziare a preoccupare i bianconeri. Operato alla caviglia destra lo scorso luglio il giocatore ha avuto una ricaduta. Così nel calciomercato di gennaio, la Juve potrebbe guardarsi intorno. Attenzione ai nomi di Luisao (classe 1981, difensore centrale) del Benfica, Balanta (classe 1993, difensore centrale o terzino sinistro) del River Plate e Nastasic (classe 1993, difensore centrale o terzino sinistro del Manchester City). Non solo difesa, però: il Corriere dello Sport rilancia il nome di Podolski (classe 1984) attaccante esterno o centrale dell’Arsenal. Già durante la sessione estiva il campione del mondo era stato accostato ai bianconeri, ma il matrimonio non si è celebrato. Il tedesco a Londra non ha troppo spazio e a RTL non nasconde un possibile trasferimento futuro. Sul giocatore ci sarebbe anche l’interesse del Napoli.

Intanto Zibi Boniek parla ai microfoni della Gazzetta dello Sport e afferma ‘Se l’avvocato Agnelli sapesse che Andrea mi ha tolto la stella gli avrebbe tirato le orecchie. A me non dispiace, dovrebbe dispiacere a loro. Io sfido chiunque di mostrare momenti in cui parlo male di squadra e tifosi. Ho solo la mia opionione su Moggi e Giraudo…Poi è entrato in società Andrea Agnelli che voleva fare amicizia con i tifosi, ha tolto la mia stella per darla a Edgar Davids che, con tutto il rispetto, l’unica cosa che ha fatto con la Juve è prendere una squalifica di sei mesi per doping’. Parole pesanti.