Juventus-Roma è stato un brutto spettacolo nonchè l’esatta fotografia del calcio italiano. Malato, prigioniero delle tensioni e avvelenato dagli episodi: tre rigori, due espulsi per zuffa con Rudi Garcia allontanato per quel gesto polemico alla Mourinho. Stavolta invece delle manette una sviolinata per sottolineare che l’arbitro Rocchi, considerato da molti il migliore fischietto italiano e decimo miglior arbitro del mondo nel 2013 (classifica di IFFHS), ha regalato ai bianconeri un rigore dolce come una serenata (Gazzetta dixit). Ma prendersela solo con Rocchi per ciò che è successo in campo è pura follia. Certamente non ha mai avuto in pugno la partita e qualche responsabilità ha il dovere di assumersela ma analizzando gli episodi chiave del match (nel modo più oggettivo possibile, ndr) non lo si può certo condannare come invece il popolo di Twitter e Facebook sta facendo.

RIGORE PER LA JUVENTUS DA NON ASSEGNARE - Al 26′ la punizione di Pirlo (il fallo di Totti c’è) viene respinta da Maicon che ha il gomito alto ma a protezione del volto e pare pure di pochissimo fuori area.

RIGORE PER LA ROMA DUBBIO - Al 30′ Lichtsteiner e Totti si strattonano in area. Lo svizzero pare disinteressarsi del pallone e abbracia Totti mettendolo platealmente a terra ma il primo a muovere le braccia sembra essere il capitano della Roma. Episodi del genere sono all’ordine del giorno. Forse sarebbe bastato un richiamo ai primi strattonamenti e far ribattere la punizione.

RIGORE PER LA JUVENTUS DUBBIO - Al 48′ Pogba viene atterrato da Pjanic. Il fallo c’è ma resta da stabilire se il contatto avviene sulla linea o fuori. Siamo ai millimetri con il piede di Pjanic che sembra fuori area così come la gamba dell’avversario mentre il piede pare a cavallo della linea. Anche la tecnologia non regala certezze figurarsi l’arbitro che deve decidere in un istante.

GOL DI BONUCCI REGOLARE - All 86′ Bonucci realizza il gol decisivo. In base alla nuova disposizione Fifa sul fuorigioco pare giusto convalidare con Vidal oltre la linea difensiva giallorossa ma non sulla traiettoria del tiro con Skorupski che vede partire il pallone. Per essere fuorigioco, in definitiva, Vidal dovrebbe essere sulla linea di visione del portiere e non più nel cono di visione. La norma pare assurda e aumenta a dismisura la possibilità di errore dell’arbitro che dovrebbe coordinarsi con guardalinee e arbitro di porta, l’unico forse nella posizione più favorevole per valutare una simile situazione.

DOPPIA ESPULSIONE CORRETTA - All’89′ Morata commette un fallaccio su Manolas che reagisce prima con una spinta plateale e poi con un testa contro testa. Il rosso per entrambi è ineccepibile. Manolas e Morata, nuovi arrivi in Italia, sono stati già contagiati dalla follia del calcio nostrano.

In definitiva Rocchi prende un solo clamoroso abbaglio sul primo gol. Per il resto la tecnologia e regole più umane lo avrebbero aiutato. Aggiungeteci il clima da far west negli stadi italiani con i giocatori pronti sempre a scatenarsi contro arbitri e avversari. A un certo punto sembrava che Rocchi (foto by InfoPhoto) fischiasse per chiedere aiuto ma i protagonisti in campo erano impegnati solo a scalciarsi. Non è difficile capire che in questo clima esasperato gli arbitri facciano fatica a dirigere con serenità e lucidità. Scagliarsi solo contro di lui come fa la stampa faziosa e di parte è folle. Aiutare gli arbitri sarebbe un dovere morale e aiuterebbe lo sport. Quello vero. Tutti gli addetti ai lavori (stampa in primis) se lo ricordino.

LEGGI ANCHE

Le pagelle di Juventus-Roma

Juventus-Roma 6.a giornata: risultato e racconto della partita

Fiorentina-Inter pagelle: Mazzarri il peggiore ma non si salva nessuno

Milan-Chievo: Muntari e Honda fanno ripartire Inzaghi