Juventus-Roma è stata seguita in tutto il mondo. Il match ha catalizzato l’attenzione di molti Paesi. Da alcuni è definita una delle migliori partite europee del momento. La Vecchia Signora è devastante e sconfigge la Roma 3-0 (leggi qui il commento della gara). Tevez delizia il pubblico con colpi di classe straordinari. L’assist servito a Vidal sulla rete dell’1-0 è una spettacolare magia. Sembra che all’Apache le giocate riescano con una facilità disarmante. E’ in grado di rendere semplici anche le cose difficili. Vidal è il solito guerriero. Recupera talmente tanti palloni da stupire chiunque. Corre per tre. In fase offensiva è sempre presente. Segna con una media degna di un attaccante e si infila come un serpente velenoso nella difesa giallorossa. Nessuno demerita. Pur correndo senza soluzione di continuità Lichtsteiner non graffia.

Pagelle Juventus

BUFFON 6.5: Quando è chiamato in causa è straordinario. Aiutato da Chiellini chiude bene lo specchio della porta su un pericoloso contropiede giallorosso chiuso da Ljajic. Peccato davvero che la rete di Moralez prima della sosta natalizia gli abbia rovinato il record, altrimenti Sebastiano Rossi dovrebbe tremare.

BARZAGLI 7: E’ una garanzia. Come sempre la sua partita è di livello stratosferico. Dalle sue parti non si passa. E’ uno dei protagonisti della magnifica difesa juventina. Sfortuna per quel cartellino subito a risultato già acquisito che gli costa la squalifica nella prossima gara di campionato.

BONUCCI 7: Un gol da attaccante di razza, favorito da un inserimento alla Trezeguet. Difensivamente la sua presenza è fondamentale. Se la Juve è un bunker è anche merito suo. Dopo sei minuti fa tremare i tifosi bianconeri avventurandosi in un dribbling che poteva costare caro ai campioni d’Italia. Perde il possesso della sfera dando il la a un pericoloso contropiede giallorosso. Buffon e Chiellini riescono comunque a rimediare.

CHIELLINI 7:  Semplicemente straordinario. Un incredibile lottatore. Fisicamente la sua presenza è devastante. E’ un muro arcigno e invalicabile per gli attaccanti giallorossi. A volte con le buone altre con le cattive, ma nessuno lo passa. Nella ripresa una sua magnifica galoppata porta al fallo di De Rossi che costa l’espulsione al romanista.

LICHTSTEINER 6: Il pendolino sale e scende lungo la corsia di destra senza soluzione di continuità. Svolge bene il suo compito sia in fase di possesso palla, sia quando la sfera è nei piedi dei giallorossi e lui deve ripiegare. Instancabile.

VIDAL 7.5: Raccoglie la ciliegina che Tevez gli offre gentilmente e spedisce la sfera alle spalle di De Sanctis portando in vantaggio la Juve. Non ci sono più aggettivi per descrivere le sue prestazioni. E’ semplicemente straordinario. Corre per novanta minuti, si inserisce nella difesa avversaria come una lama tagliente e non perdona la Roma, una delle sue vittime preferite. Recupera innumerevoli palloni, lottando come uno straordinario guerriero.

(MARCHISIO n.g.)

PIRLO 6.5: Si riprende il suo posto davanti alla difesa. Inizialmente non soddisfa troppo Conte che lo richiama. Nel prosieguo afferra la bacchetta e da avvio alla solita sinfonia juventina. Splendida la pennellata che regala la rete del 2-0 a Bonucci. Il direttore d’orchestra bianconero è tornato.

POGBA 6.5: Il francese ha una fisicità che impressiona ogni volta di più. Il Psg ha puntato i suoi radar su di lui e un motivo esiste. E’ sconcertante pensare che il ragazzo è nato solo vent’anni fa. E’ riuscito a strappare la maglia da titolare a un giocatore del calibro di Marchisio. Questo dice molto delle sue capacità. Anche oggi la sua presenza a centrocampo è importante. Quando decide di partire palla al piede è praticamente impossibile fermarlo.

ASAMOAH 6.5: Come Lichtsteiner svolge bene entrambe le fasi. Si propone spesso in zona d’attacco. Lo spunto del ghanese pare quello dei tempi migliori.

TEVEZ 7.5: C’era preoccupazione per il suo ritardato rientro dall’Argentina. Tutto sfuma quando dopo 17 minuti decide di prendere possesso della sfera spalle alla porta, girarsi con una facilità disarmante, alzare lo sguardo, vedere l’inserimento di Vidal e decidere di appoggiargli la palla come fosse un dolcissimo cioccalatino. Prosegue la sua gara portando a spasso Castan e Benatia. Spaventa il pubblico quando chiede il cambio a Conte. Fortunatamente per i tifosi juventini pare fossero solo crampi. Un fenomeno. L’attaccante campione che la Juve cercava.

(VUCINIC 6.5:  Entra al 59′ minuto al posto di Tevez. Finalmente il numero nove bianconero si sblocca e torna a festeggiare il gol. Lo fa con un calcio di rigore magistrale. Poche squadre potrebbero permettersi di avere un attaccante del suo calibro in panchina.)

LLORENTE 6.5: Lo spagnolo fa valere la sua forza fisica e fa notare la sua classe. Sbaglia davvero poco sopratutto in fase di appoggio. Nel primo tempo stampa un bolide da fuori area che fa venire i brividi a De Sanctis.

(QUAGLIARELLA n.g.)

All. CONTE 7.5: Come il Napoli, anche la Roma giunge allo Juventus Stadium e torna a casa con tre reti sulla groppa. Conte ha plasmato una macchina da guerra. In questo momento la Juve pare quasi insuperabile. Oltre al gioco i bianconeri hanno  tenacia e forza fisica strabordanti. Un avversario forte come i giallorossi esce dallo Stadium con una pesante sconfitta, anche se probabilmente il risultato è un po’ penalizzante per la Roma.

Pagelle Roma: De Sanctis 5.5, Maicon 6, Benatia 6, Castan 4.5, Dodò 5.5 (Torosidis 5.5), Pjanic 6, De Rossi 5, Strootman 6, Gervinho 5.5, Totti 5.5, (Florenzi 6) Ljajic 5.5. All. Garcia 5.5

ARBITRO RIZZOLI: 7