Non è  un momento troppo facile per la nostra nazionale. La sconfitta, anche se di misura, in amichevole contro la Spagna ha mostrato che c’è qualcosa da migliorare. A tutto ciò si aggiunge il periodo difficile che stanno vivendo alcuni giocatori sui quali Prandelli potrebbe fare affidamento per l’ormai non così lontana avventura del Mondiale in Brasile. Uno su tutti è Mario Balotelli.

A incoraggiare il nostro c.t. è la grande prova fornita da Pirlo e Buffon a Marassi contro il Genoa. Già ampiamente celebrati in ottica bianconera fanno sperare anche la nazionale. Negli appuntamenti importanti questi veterani raramente deludono. Nel capoluogo ligure la Juventus soffre parecchio, ma loro, con due giocate eccezionali, risolvono la situazione. Permettono, così, alla loro squadra di vincere la partita e danno una ‘badilata‘ mostruosa al campionato. Fantastici. A tutto questo si aggiunge la migliorata capacità del capitano juventino di parare i calci di rigore. Questo è un elemento non secondario in una competizione come il Mondiale.

Per dimostrare quanto questi due campioni siano rispettati e considerati basti pensare che, appena dopo avere subito una rete così beffarda, il portiere del Genoa, Perin, ha chiesto la maglia a Pirlo. Il numero 21 (per il quale Marotta ha già pronto il rinnovo del contratto) è anche uno dei giocatori più ammirati a livello internazionale. La standing ovation che, solo qualche mese fa, gli ha regalato il Bernabeu ne è un esempio. Quando sono all’estero riscuotono sempre grandi richieste di foto e autografi.

Bisogna ammettere che in questa stagione hanno vissuto qualche momento molto difficile. Per citarne alcuni basti pensare agli errori di Buffon in Fiorentina-Juventus di campionato, oppure all’uscita abbastanza improbabile su Gomez nella gara di Europa League, ma il curriculum di questi giocatori da garanzie di assoluta affidabilità. Non a caso, recentemente, Prandelli ha affermato che l’unico sicuro del posto in Brasile è proprio il portiere della Vecchia Signora.

Non sono gli unici juventini a far ben sperare la nostra nazionale. Ora, purtroppo, Andrea Barzagli è alle prese con l’ennesimo infortunio, ma quando è disponibile è quasi sempre una garanzia. Lo stesso si può dire per Chiellini che, come il buon vino, pare migliorare e assumere maggiore sicurezza anno dopo anno. Buone notizie giungono anche da Marchisio. Il giocatore è alle prese con qualche piccolo problema muscolare, ma non dovrebbe trattarsi di nulla di grave. Dopo un inizio di stagione molto travagliato in cui aveva anche perso il posto da titolare, le ultime prestazioni sono state superlative e la condizione pare in netta crescita.

E’ vero che la  Juventus non ha brillato in Champions League e questo non è certamente un segnale positivo per Prandelli. E’ altrettanto innegabile che, ultimamente, i suoi giocatori sono abbastanza falcidiati da problemi muscolari sintomo di una stanchezze fisica da super lavoro, ma la speranza del  c.t. è che il folto blocco juventino che, con ogni probabilità, sarà protagonista con la maglia azzurra, al Mondiale replichi le straordinarie performance del campionato.

Fino ad allora, però, l’obiettivo di questi giocatori è quello di regalare il terzo scudetto consecutivo e l’Europa League ai bianconeri. La febbre per la gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League, giovedì sera al Franchi contro la Fiorentina, è già altissima. La Juve vorrebbe raggiungere l’accesso ai quarti e farà di tutto per riuscirvi.