La Juventus supera 2-0 il Livorno in una gara valida per la 32.a giornata di serie A. Con questo meritato successo i bianconeri rispediscono la Roma a distanza di sicurezza. Ora il loro vantaggio sui giallorossi, secondi in classifica, è di 8 punti. Straordinaria prova di Llorente. Lo spagnolo è scatenato e realizza la doppietta che stende gli amaranto. Si porta così a quota 13 gol in campionato. Magnifico. Buona prova anche di Caceres. L’uruguayano è sempre più bravo e sicuro. Ormai da parecchio tempo sostituisce l’infortunato Barzagli e sembra migliorare partita dopo partita. Continua il momento non troppo esaltante di Pogba e Marchisio.

Pagelle Juventus

BUFFON 6.5: viene impegnato in sole due occasione e risponde, come sempre, da Superman. Para una conclusione non facile di Emeghara all’inizio del match e devia in corner un siluro di Duncan nella ripresa. Per il resto è spettatore non pagante.

CACERES 6.5: il sostituto di Barzagli pare sempre più all’altezza. Non ha grandi difficoltà nel controllare la velocità dei vari Siligardi ed Emeghara. Continuamente sul pezzo controlla agevolmente gli attaccanti amaranto. Complimenti. Festeggiato nel migliore dei modi il suo 27esimo compleanno.

BONUCCI 6: dopo la buona prova di Lione, Bonucci continua il suo tour de force. A seguito di un inizio leggermente difficoltoso non ha alcun problema a controllare gli avversari. Nessun affanno di sorta. Gara tranquilla.

CHIELLINI 6: ha una buona occasione per portare in vantaggio la Juve giungendo a rimorchio, ma il suo sinistro non è troppo educato e la sfera termina la sua corsa in una curva dello Stadium. Per il resto controlla i vari attaccanti toscani con la solita grande irruenza e senza patemi di sorta.

LICHTSTEINER 6.5: Mesbah fatica come non mai a contenerlo e passa quasi tutta la gara a scalciarlo. Bersagliato dagli avversari subisce anche un brutto fallo da Castellini. Pare essere supportato da una condizione fisica straordinaria. Corre fino al novantesimo arrivando spesso al cross dal fondo. A dimostrazione della sua buona forma fisica è la corsa che effettua nel recupero della ripresa sul 2-0 per cercare di agganciare una sfera che stava scivolando sul fondo.

POGBA 6: non vive un momento straordinario, ma quando mette in moto le sue lunghe leve per superare gli avversari non lo riesce a contenere nessuno. Impressionate la facilità con cui salta l’uomo. La sua gara, però, non è esaltante. Prova anche la conclusione da fuori, marchio di fabbrica, ma non riesce a segnare.

(PADOIN n.g.)

PIRLO 6.5: non regala giocate straordinarie, ma è sempre sul pezzo. In tutte le occasioni è posizionato perfettamente e si rende utile sia in fase offensiva che difensiva. Attento e concentrato.

MARCHISIO 6: corre tantissimo e nel finale si vede negato un calcio di rigore abbastanza plateale. Mancavano 30 secondi al termine del match, ma Gervasoni ha preferito levarsi dall’inghippo fischiando la fine della gara piuttosto che concedere il penalty.  Il centrocampista non è  troppo incisivo e sbaglia anche qualche appoggio. Non è da lui.

ASAMOAH 6.5: ha la continuità di un orologio svizzero. Garantisce sempre la sufficienza. Pure lui supportato da una buona condizione fisica salta l’uomo con una regolarità disarmante. Spinge tantissimo.

LLORENTE 7.5: doppietta straordinaria che lo porta a quota 13 reti in campionato e messaggio a Del Bosque. Il primo gol è fantastico, da vero bomber di razza, ed è decisivo per aprire la strada della vittoria ai bianconeri. Riceve il passaggio di Tevez in area di rigore amaranto, aggira Valentini e lascia partire il bolide dell’1-0. Il secondo gol, di testa, è agevolato da un imperfetto Bardi. Llorente Express  timbra la sua 7 rete di testa on questa serie A. Ennesima capocciata vincente.  Non segnava dalla gara di campionato a San Siro contro il Milan. E’ tornato il Re Leone.

(VUCINIC 6: entra e mostra voglia di far bene e di rendersi utile.) 

TEVEZ  6.5: con Llorente forma una coppia fantastica. Insieme i due hanno realizzato ben 31 reti in questa serie A. Magnifici. L’intesa è ormai assodata. E’ l’argentino a servire il navarro per il gol dell’1-0. Nel resto della gara prova a spaventare il Livorno con qualche fiammata e un tiro da fuori nel finale del primo tempo. Non vorrebbe lasciare il campo e chiede a Conte di concedergli altri 5 minuti. Dimostra, così, una gran voglia di giocare e di essere protagonista.

(GIOVINCO 6: entra tra gli applausi dello Stadium. Prova qualche serpentina delle sue. Frizzante.)

All. CONTE 7: aveva ragione lui. I  Campioni d’Italia paiono sostenuti da una discreta condizione atletica. La Juve chiude la pratica Livorno nel primo tempo e nella ripresa gestisce senza correre quasi alcun rischio. Benissimo.

Pagelle Livorno: Bardi 5; Ceccherini 5.5 (Piccini 6); Valentini 5.5; Coda 5,5; Castellini 5.5; Benassi 5.5; Biagianti 5 (Mosquera n.g.); Duncan 6; Mesbah 5.5; Emeghara 5.5 (Belfodil 5.5) Siligardi 5.5.  All. Di Carlo 5.

ARBITRO GERVASONI: 6