Ieri sera la Juventus ha strapazzato l’Inter. I bianconeri hanno vinto 3-1 e hanno disputato una sfida davvero brillante sotto tutti i punti di vista. Se si toglie qualche piccolo peccato veniale come il calo di tensione avuto dalla squadra dopo il 3-0 o qualche leggera  imperfezione difensiva soprattutto in fase di non possesso, la Vecchia Signora è apparsa davvero invincibile (leggi qui le pagelle dei giocatori della Juventus).

Tutto questo è vero, ma perché solo in campionato? La prestazione fornita ieri dei ragazzi di Conte fa impazzire di gioia i tifosi che hanno visto l’amata compagine sgretolare gli eterni rivali neroazzurri, ma allo stesso tempo sarà balenato nelle loro teste un triste pensiero. Questa Juve non poteva ampliare i suoi orizzonti oltre la serie A? Allora la mente torna a Istanbul dove i campioni d’Italia hanno abbandonato ogni sogno di gloria in Champions League. E’ chiaro che la sfida del Bosforo è stata condizionata da circostanze contro le quali la truppa di Conte ben poco poteva, ma la qualificazione è stata gettata alle ortiche nelle gare precedenti. Detto che la delusione è stata enorme bisogna comunque ammettere che, probabilmente, l’attuale capolista del nostro campionato non è ancora all’altezza dei top team europei e mondiali quindi forse non avrebbe potuto comunque vincerla. Certo questo non cancella  la frustrazione per l’estromissione da tanto ambita competizione, ma può contribuire a sopirla leggermente. I pensieri corrono nel tempo e si fermano a una settimana fa quando i bianconeri sono stati sconfitti e quindi eliminati dalla Coppa Italia. Anche in questa occasione la Juve potrebbe recriminare. La mancata espulsione di Benatia per un fallo da ultimo uomo su Giovinco e il gol di Peluso, che pare fosse regolare, sono episodi discutibili e rilevanti ma, in ogni caso, la Juve non ha certamente fornito una prestazione straordinaria e i giallorossi hanno meritato la qualificazione. Sarebbe stato entusiasmante per una squadra così forte potere manifestare il suo dominio sul calcio italiano imponendosi anche in questa competizione. È vero che la Vecchia Signora ha già nettamente trionfato pure in Supercoppa di Lega, ma la Coppa Italia rappresentava un obiettivo interessante e alla portata.

La conquista del terzo scudetto consecutivo sarebbe sicuramente un traguardo storico e clamorosamente prestigioso. Raggiungerlo sarebbe davvero fantastico sia per la società che per i tifosi. Trionfare in campionato significherebbe, ancora una volta, imporre la propria egemonia sul calcio italiano e tutto questo è grande motivo di orgoglio. Rimane, però un’ulteriore competizione, l’Europa League, e poterla conquistare tra le mura amiche (la finale del 14 maggio sarà allo Juventus Stadium) potrebbe regalare nuove importanti sensazioni e gioie ai tifosi bianconeri.