Sconfitta meritata: questo il giudizio finale per una partita che ha visto l’Inter (leggi qui le formazioni delle due squadre) soccombere sia dal punto di vista del gioco sia sul piano atletico. La squadra di Mazzarri ha subito il predominio territoriale della Juventus per tutti i 9o minuti di gioco riuscendo ad essere pericolosa solo quando il risultato non era più in discussione. Altro risultato negativo per l’Inter, che continua nella striscia che la vede non vincente da oramai 5 turni.

La partita inizia con una Juve agonisticamente reattiva subito capace di impensierire Handanovic con una conclusione ravvicinata di Tevez. L’Inter prova a gestire il pallone ma la manovra lenta e poco fluida impedisce ai nerazzurri di avvicinarsi alla porta di Storari che rimane inoperoso per gran parte del match. Al 15′ Juve in vantaggio: Pirlo sfodera un assist alla sua maniera che imbecca Lichtsteiner (foto by infophoto)  bravo ad insaccare di testa. Nagatomo soffre come non mai le ripartenze avversarie come del resto tutta la squadra che sembra vacillare al furore agonistico dei bianconeri. Il primo tempo finisce con l’unica occasione per l’Inter, con Palacio che ben servito da Kovacic spara alto da buona posizione.

La ripresa inizia nel modo peggiore possibile: come un pugile pronto a sferrare il K.O. finale al suo avversario,  Chiellini capitalizza in rete l’ennesimo errore difensivo di Nagatomo (capitano per l’occasione) e permette alla Juventus di raddoppiare. Della reazione che ci si potrebbe aspettare dagli ospiti nemmeno l’ombra e al 10 minuto Vidal insacca il 3-0 sfruttando l’ennesima incertezza difensiva e mette in cassaforte il risultato. L’inter tramortita e scoraggiata prova una timida reazione anche grazie ai cambi offensivi che Mazzarri opera. La partita però oramai è segnata ed il gol di Rolando a 20 minuti dalla fine rende solo meno pesante il passivo finale.

3-1 il risultato finale con l’Inter che dovrà cercare di dimenticare in fretta la pessima serata appena trascorsa. Le assenze non possono giustificare una prestazione non all’altezza della situazione. La speranza è che l’inserimento del neo-acquisto Hernanes (leggi qui il giudizio sul mercato nerazzurro) possa far migliorare la squadra e farla uscire dal momento negativo che vive in questo periodo.

A cura di Andrea De Boni