Fatti gli acquisti, per la Juventus è arrivato il momento di pensare anche alle cessioni: una in particolare, la più importante di tutte, quella riguardante Paul Pogba, che sembra sempre più sul piede di partenza. Mino Raiola, procuratore del ragazzo, nei giorni scorsi, è andato a Miami (dove il centrocampista sta finendo le vacanze) per presentargli l’offerta definitiva del Manchester United: 13 milioni l’anno più bonus e diritti d’immagine. Sommando tutto quanto, Pogba andrebbe a prendere una cifra molto vicina ai 20 milioni di euro a stagione, una cosa davvero impressionante. Il francese ha ovviamente accettato, dunque Raiola è volato in Italia per parlare con Beppe Marotta.

I due si sono incontrati ieri a Milano, subito dopo che il direttore generale della Juventus aveva depositato in Lega la documentazione legata all’acquisto di Gonzalo Higuain. Il procuratore ha dunque fatto presente che la volontà del ragazzo è quella di raggiungere Mourinho al Manchester United. Per Marotta non ci sarebbero problemi, se non che la differenza tra domanda e offerta pare essere ancora piuttosto ampia: i red devils offrono una cifra molto vicina a 100 milioni, mentre la Juventus ne chiede almeno 125. Occorrerà dunque un nuovo incontro tra le parti, ma arrivati a questo punto ci sembra davvero difficile che Pogba resti in bianconero durante la prossima stagione. I tifosi del Manchester United nel frattempo bocciano l’operazione, definita decisamente troppo onerosa. L’altra questione di cui i bianconeri e lo United dovranno necessariamente parlare è quella legata alla commissione sul trasferimento che spetterebbe a Raiola: a quanto pare, a rallentare la chiusura dell’affare, ci sarebbe anche la quota (che sembra essere addirittura del 20%) da dare al manager del giocatore e nessuna delle due società vorrebbe sobbarcarsi di questo onere. Secondo Tuttosport, solitamente sempre ben informato su quanto accade in casa bianconera, la Juventus ha ribadito ai colleghi inglesi che toccherà loro saldare la parcella e che quest’ultima non verrà mai conteggiata nel prezzo del francese.

Nel frattempo sembra che neanche il Real Madrid sia disposto a mollare Pogba, vero e proprio sogno di Zidane. L’allenatore del blancos, a margine della presentazione del match contro il Paris Saint-Germain per l’International Champions Cup, ha fatto capire che per lui il centrocampista francese è tutt’altro che un obiettivo sfumato: «Non so se arriverà o meno, stiamo lavorando e fino al 31 agosto può succedere di tutto. A tutti piace Pogba, è un grande giocatore e quando sei il Real vuoi sempre i migliori». Tutto questo non può che far gongolare i dirigenti bianconeri, che già immaginano un’asta con numeri da capogiro.