Poca fortuna per la Juventus, che perde il profeta Hernanes fino al 2016, maggiori possibilità di vedere in campo, mercoledì contro il Manchester City, Patrice Evra.

Contro i Citizens, dunque, Massimiliano Allegri dovrà rinunciare anche al centrocampista brasiliano oltre a Caceres e Khedira, fermi ormai da diverso tempo. A Vinovo, a due giorni dalla sfida di Champions League che potrebbe garantire ai bianconeri il passaggio agli ottavi, l’ex tecnico del Milan cerca di trovare una quadratura del cerchio e di pensare alla formazione da schierare.

Per Hernanes problema muscolare agli adduttori accusato contro il Milan. Gli esami hanno evidenziato una lesione di primo grado del muscolo adduttore lungo della coscia destra, i tempi per la ripresa agonistica sono di circa 3 settimane. Salterà Manchester City, Palermo, Lazio, Siviglia e probabilmente anche Fiorentina.

Per Caceres, invece, sovraccarico muscolare alla coscia destra; Khedira, rientrato dagli impegni con la Germania con un sovraccarico in corrispondenza della cicatrice della vecchia lesione, dovrà rimanere fermo una settimana per poi monitorare la situazione.

Più possibilità per Evra: la leggera di­stor­sio­ne alla ca­vi­glia si­ni­stra potrebbe non essere così grave, in alternativa è pronto Alex Sandro. Ancora fuori Asamoah, Pereyra e Padoin. Chiellini, a Sky Sport, ha detto: “Avrei preferito un Manchester più sereno – le sue parole – contro squadre di grande talento è più facile sfruttare l’occasione se quando le affronti sono un po’ rilassate. Loro saranno attenti, super vogliosi di riscatto. Dovremo fare una grande partita, abbiamo bisogno di staccare il pass. Lo scudetto? Nella nostra posizione non possiamo parlare di scudetto, ragioniamo di partita in partita. La cosa importante sarebbe dare continuità da qui a Natale e rosicchiare ancora qualche punto alle squadre che ci precedono. Dobbiamo stare li ed essere un martello, per provare piano piano a risalire. L’obiettivo primario, ribadito anche dalla società, è essere nei primi tre posti. Dybala e Tevez? Sono giocatori molto diversi. Come colpi, caratteristiche fisiche e anche tecniche”.