Giornata importantissima per la Juventus che conosce i prossimi avversari nel girone della Champions League 2014-2015. Nella splendida cornice del Grimaldi Forum di Montecarlo (Principato di Monaco) si sono tenuti i sorteggi per questa fase. I bianconeri, che erano inseriti nella seconda fascia, sono nel Gruppo A e sfideranno Atletico Madrid (prima fascia, settimo ranking Uefa, Spagna), Olympiacos (terza fascia, 27esima nel ranking Uefa, Grecia), il Malmoe (quarta fascia, 233esima nel ranking Uefa, Svezia)

La Vecchia Signora se la dovrà vedere, quindi, con i vice campioni d’Europa, vincitori della scorsa edizione della Liga spagnola e trionfatori nell’ultima Supercoppa di Spagna: l’Atletico Madrid. Non certamente un avversario agevole. Molto forte, sopratutto fisicamente, e combattivo. Al Calderon sarà una trasferta difficile in un ambiente bollente. Affronterà anche gli ateniesi dell’Olympiacos, compagine che ha appena ceduto il difensore Manolas alla Roma. Anche in questo caso da rimarcare la grande bolgia che i Campioni d’Italia potrebbero incontrare nella capitale greca. Avversaria non impossibile, ma da non sottovalutare e con l’ossatura della nazionale del suo Paese. Attenzione a Saviola, Afellay e Abidal. Non male il portiere Roberto e la stellina Diamantakos. Dalla quarta urna il sorteggio ha deignato il Malmoe, società svedese dove ha mosso i suoi primi passi nel mondo del calcio Zlatan Ibrahimovic. Con questi ultimi non ci sono precedenti. Tutto sommato un girone non infattibile, ma sempre grande attenzione.

Ecco il calendario delle gare dei bianconeri:

Juve-Malmoe 16 settembre
Atletico Madrid-Juve 1 ottobre
Olympiacos-Juve 22 ottobre
Juve-Olympiacos 4 novembre
Malmoe-Juve 26 novembre
Juve-Atletico 9 dicembre

Allegri commenta su Twitter:

L’a.d. juventino, Giuseppe Marotta si è detto piuttosto soddisfatto del girone ‘La premessa da fare è che la Champions è un torneo. A differenza del campionato, dove i veri valori alla fine emergono, in un torneo i dettagli possono fare la differenza. Basta guardare la sfida con il Galatasaray, dove giocammo su un campo impraticabile e uscimmo. E’ un girone gradito, però dovremo fare attenzione, per esempio al Malmo che è già in piena attività da mesi. Dipenderà quando li affronteremo. Noi cercheremo di onorare la maglia e ottenere una qualificazione, che è alla nostra portata’

Al termine di questa fase a gironi, che prevede gare di andata e ritorno (prima giornata 16-17 settembre; seconda giornata 30 settembre-1 ottobre; terza giornata 21-22 ottobre, quarta giornata 4-5- novembre, quinta giornata 25-26 novembre, sesta giornata 9-10 dicembre) si disputeranno gli ottavi di finale (andata 17-18 febbraio, 24-25 febbraio; ritorno 10-11 marzo, 17-18 marzo), i quarti di finale (andata 14-15 aprile; ritorno 21-22 aprile), le semifinali (andata 5-6 maggio; ritorno 12-13 maggio). La finalissima si giocherà il prossimo 6 giugno 2015 con ‘gara secca’ all’Olympiastadion di Berlino (Germania).

La Vecchia Signora vorrà sicuramente riscattare la delusione patita nella scorsa stagione con l’eliminazione proprio nella fase a gruppi. Tutti ricorderanno la sfida contro il Galatasaray nella incredibile nevicata di Istanbul. La sospensione della gara e la nefasta continuazione nel giorno successivo con il gol di Snejider che regalò la vittoria ai turchi e costò il passaggio del turno ai bianconeri. L’allora compagine di Conte venne retrocessa in Europa League. Triste destino, ma sicuramente la Juventus ‘ci mise del suo’. I Campioni d’Italia, infatti, iniziarono male quel girone. Il pareggio a Copenaghen e il rocambolesco 2-2 dello Stadium proprio contro il Galatasaray furono fatali nel prosieguo del cammino. Anche l’esperienza in Europa League non fu fortunata. I bianconeri vennero estromessi in semifinale a opera del Benfica e persero la possibilità di disputare l’ultimo atto in casa.

Quest’anno la Juve targata Max Allegri ha l’obiettivo di non deludere in Champions e farà di tutto per soddisfare i suoi supporter che hanno fame di gloria europea.

LEGGI ANCHE:

Morte calciatore: Algeria, attaccante del Camerun colpito da pietra di un tifoso

Donetsk stadio Dombass Arena: bombardato, morte e danni