La Juventus supera 3-1 il Chievo e si porta a 12 punti di vantaggio dalla seconda in classifica, la Roma. I giallorossi hanno due partite in meno.  Ottima prova di Marchisio che torna titolare nel centrocampo bianconero. Il Principino è protagonista di una prestazione maiuscola condita da un gol. Magnifica gara anche di Asamoah. Il tiro con il quale realizza il gol dell’1-0 è un bolide potente e preciso. Supportato da una condizione atletica straripante, sembra incontenibile. Lichtsteiner, invece, pare insolitamente offuscato. Combina una frittata incredibile che provoca l’autorete del povero Caceres. Non riesce a spedire un cross giusto nell’area clivense per il rammarico di Llorente e Osvaldo. Non è fantastico neppure Caceres. Oltre a segnare lo sfortunato autogol non  pare sempre concentrato a dovere. I tifosi bianconeri si augurano torni il Caceres delle scorse stagioni.

Pagelle Juventus

BUFFON 6:  Praticamente mai impegnato, compie una bella parata nel finale su una conclusione da fuori di Hetemaj. E’ costretto a subire un’altra rete a causa di un clamoroso pasticcio dei compagni.

CACERES 6: Dove è finito il Caceres delle scorse stagioni? Le tante panchine e gli infortuni paiono avere fatto perdere un po’ di smalto e sicurezza al calciatore. Sfortunato nell’occasione dell’incredibile autogol, sul quale con la cortese collaborazione di Lichtsteiner causa la nona rete subita nelle sette ultime gare dalla Juve. A inizio partita mette in difficoltà Buffon con un errore in retropassaggio che costringe il portiere a una non semplice respinta. Per il resto la gara è sufficiente.

BONUCCI  6.5: Dimenticata la prova non troppo positiva di Verona quest’oggi decide di regalare una grande prestazione. Quando i compagni della difesa non riescono ad anticipare gli avversari lui li chiude sicuro e preciso. Sbroglia alcune situazioni complicate. In particolare sul risultato di 2-1 per la Juve chiude lo specchio della porta a Pelissier evitando l’incredibile frittata di squadra. I tifosi bianconeri lo vorrebbero sempre così. Attento e preciso. 

OGBONNA 6: Lasciato libero di impostare è il difensore bianconero che più si proietta in fase offensiva. Spesso riesce a chiudere gli avversari con tempismo e precisione. Ogni tanto si concede qualche amnesia di troppo. Il giocatore dovrà trasformare in atto le buone potenzialità che ha.

LICHTSTEINER 5.5: Dopo le buone prove delle ultime gare, il pendolino svizzero incappa in una prestazione non positiva. Incredibile il pasticcio che combina in occasione dell’autogol di Caceres. L’autorete è dell’uruguayano, ma l’incredibile svarione è suo. Ogni suo tentativo di cross è rimpallato. Di ciò Llorente non sarà sicuramente stato contento. Una giornata no, può capitare.

VIDAL 7: Additato come uno dei peggiori in campo nella debacle veronese, quest’oggi si rifà con gli interessi. Prestazione da vero leader del centrocampo. Aggressivo, determinato e pulito negli interventi recupera una quantità industriale di palloni. Riesce a evitare il giallo che gli sarebbe costato l’esclusione dal derby di domenica prossima. Ha capito perfettamente la lezione che Conte in settimana ha voluto impartire alla squadra. Esce tra gli applausi del pubblico. Real Madrid tieni giù le mani.

(PADOIN n.g.)

PIRLO 6.5: Anche oggi il regista della nazionale incanta con giocate di classe superiore. Sua la fastidiosa (per i gialloblù) punizione che determinata la rete del 2-0, anche grazie ad un imperfetto Agazzi. Nel finale realizza uno splendido lancio per Marchisio che però si fa ipnotizzare dal portiere clivense. Per il resto disputa una buona gara mostrando di essere supportato da una discreta condizione fisica.

MARCHISIO  7.5: Torna titolare nel centrocampo bianconero e lo fa in modo strepitoso. Trova il secondo gol stagionale grazie ad un astuto tap in dopo un’imprecisione di Agazzi e sfiora la doppietta nel finale. Tiene un ritmo fantastico per novanta minuti e recupero e fornisce una prestazione sopra le righe. Vidal, Pirlo, Marchsio, Pogba: una mediana fantascientifica.

ASAMOAH 7: Trova una rete fantastica dopo un magnifico scambio con Llorente. Il suo sinistro a giro è semplicemente pazzesco. Dimostra una condizione atletica straripante e regala una prova superba. Prosegue così il suo periodo positivo.

LLORENTE 6.5: Ghostbaster Llorente scaccia i fantasmi di Verona regalando il 3-1 ai bianconeri con la solita testata. Segna la sua decima rete in serie A. Spettacolare il suo appoggio per Asamoah in occasione della rete dell’1-0. La sua condizione atletica non pare delle migliori. A volte è un po’ lento, ma il peso specifico che fornisce all’attacco juventino è straordinario.

(OSVALDO 6: Prova in tutti i modi a trovare il primo gol in bianconero nella prima uscita personale allo Juventus Stadium. Non ci riesce, ma ci va vicino. Avrà più occasioni per sbloccarsi. Ora i campioni d’Italia dispongono di un fantastico attacco.)

GIOVINCO  6: Perchè quei fischi al momento della sua uscita dal campo? I dieci minuti di sbandamento della Juve non sono assolutamente responsabilità sua. Gioca con grande volontà, impegno e dedizione. La sua intesa con Llorente non è perfetta, ma oggi la Formica Atomica non ha sfigurato.

(TEVEZ 6:  Entra e si gestisce bene in una partita che a lui non chiedeva niente di più.)

ALL. Conte 7.5: Con questa vittoria il tecnico festeggia la sua centesima presenza sulla panchina della Juve in serie A. E’ un fenomeno della panchina. Dopo quanto accaduto a Verona ha voluto mantenere la concentrazione ai massimi livelli. Dopo due scudetti consecutivi rimanere sempre sul pezzo è complicato, lui prova in ogni modo a raggiungere tale obiettivo e ci riesce. Si arrabbia con chi pretende di giudicare le sue scelte di gestione del gruppo e i risultati continuano a dargli ragione. Si infuria con lo Stadium quando fischia Giovinco in occasione della sua sostituzione dimostrando ancora una volta le sue doti di psicologo. Quando il giocatore avrebbe voluto infilarsi nello spogliatoio per ripararsi dalla disapprovazione dei tifosi, lui lo sprona a sedersi in panchina e a farlo con la testa alta. Un signore del calcio, un vincente.

Pagelle Chievo: Agazzi 5, Frey 5.5, Canini 5.5, Bernardini 5.5, Sardo 5, Guana 5, Radovanovic 5.5 , Hetemaj 6, Dramè 6 (Rubin 6), Stoina 5.5 (Pelissier 6) Thereau 5 (Obinna n.g.). All. Corini 5.5

ARBITRO VALERI: 6