In una stagione intensissima e un po’ dai due volti per quanto riguarda la Juventus, nella quale a un inizio davvero shock è seguita poi una rimonta incredibile e meravigliosa, senza contare – di nuovo – un’annata all’insegna degli infortuni, uno dei protagonisti assoluti dell’anno bianconero – proprio dopo un infortunio che lo ha tenuto fuori dai campi per più di un mese -, Giorgio Chiellini, è tornato finalmente ad allenarsi col gruppo e, da subito, le ha cantate a coloro che hanno osato dequalificare la stagione della Juve attaccandosi ai favori della classe arbitrale.

Ai microfoni di Sport Mediaset infatti, il difensore bianconero ha dichiarato senza mezzi termini che le argomentazioni basate sulla complicità della classe arbitrale: “Sono solo chiacchiere per vendere i giornali e alimentare le trasmissioni televisive. La Juve ha dimostrato di essere la più forte in campo e di meritare la vetta della classifica”. Lo dimostra per altro il fatto che “Gli avversari non mollano, sta a noi tenerli più distanti possibile“.

Secondo Chiellini in sostanza i giochi sarebbero tutt’altro che fatti con 8 giornate, quelle conclusive, che promettono un finale di campionato col botto: “Lo scudetto si deciderà verosimilmente tardi, dopo il weekend del 24-25 aprile, quando noi andremo a Firenze e il Napoli farà visita alla Roma. Allora sì, avremo dei risultati quasi definitivi“.

Il match contro l’Empoli del prossimo turno, alla ripresa del campionato dopo la pausa per le nazionali, suggerirebbe di risparmiare Chiello per la sfida del 9 aprile contro il Milan ma la situazione infermieristica della Juventus è davvero in allarme con Bonucci out e Barzagli in forse, oltre agli infortunati e agli acciaccati degli altri reparti quali Marchisio, Khedira e Dybala. Rmane dunque Rugani a dispsosizione e l’ipotesi sempre più concreta di una difesa a quattro con Chiellini convocato.