Domani la Juventus sfiderà il Cesena allo Stadium per la quarta giornata di serie A. Riparte da questa gara il tour de force della Vecchia Signora che prima della sosta per le nazionali se la vedrà anche con l’Atalanta (serie A sabato 27 settembre all’Atleti Azzurri d’Italia), l’Atletico Madrid (Champions League mercoledì 1 ottobre al Calderon) e la Roma (serie A allo Juventus Stadium domenica 5 ottobre). Anche se la stagione è solo all’inizio, questa è una serie di impegni importanti, ravvicinati e, alcuni dei quali, anche parecchio difficili.

Occorre, quindi, raccogliere dei punti con i romagnoli. La Vecchia Signora arriva a questo primo turno infrasettimanale del campionato 2014-2015 da capolista, a punteggio pieno. I bianconeri dividono la testa della graduatoria con la Roma, che sarà impegnata al Tardini con il Parma e dovrà rinunciare a De Rossi per parecchio tempo. Pare che Capitan Futuro dovrà saltare anche la sfida ai piemontesi. La squadra di Bisoli è neopromossa in serie A dove mancava dalla stagione 2011-2012, quella del primo Scudetto targato Conte, ma non è certamente avversario da sottovalutare. Allegri (foto by Infophoto) lo sa e, dopo aver ottenuto 4 vittorie in altrettante gare senza subire alcun gol, cercherà di proseguire tale avvio sprint di stagione. Meglio anche della Juve targata Conte della scorsa annata (tre vittorie e un pareggio). La partenza fulminante è una prerogativa raramente riuscita al tecnico toscano. Solo ai tempi in cui sedeva sulla panchina del Sassuolo (serie C1 2007-2008) centrò 4 successi nelle prime 4 partite. Tutto ciò sta anche contribuendo a favorire il suo rapporto inizialmente non certo facile con la tifoseria.

Proprio il tecnico toscano ha parlato oggi nella classica conferenza stampa per gara ed è tornato sulle parole pronunciate ieri da Conte. Il c.t. ha affermato che questa Juventus ha basi solide ed è molto forte, più della sua. Il toscano dichiara ‘sono molto sereno. Se ha detto lui che la Juve è più forte dell’anno scorso posso stare molto sereno‘. Una frecciatina? Allegri ha parlato anche della mancata convocazione di Tevez nella nazionale argentina ‘non sono il c.t. dell’Argentina e le scelte le fa lui e le fa per il bene della nazionale. Tevez sta facendo delle grandissime cose come ha fatto l’anno scorso alla Juventus. Per me meriterebbe la nazionale‘. Martino, invece, ha chiamato Pereyraè una novità in nazionale, ma sta dimostrando il suo valore E’ stato un ottimo acquisto’.  Relativamente alla questione Scudettoè presto per dire che è una questione tra Juve e Roma. Inter, Milan, Napoli, Lazio e Fiorentina. E’ un campionato equilibrato‘. Allegri afferma, poi, che dovrebbe confermare il 3-5-2 anche per la gara di domani.

L’allenatore parla anche della questione recuperi degli infortunati e dei convalescenti. Di Barzagli afferma: ’Il tempo di recupero è stato detto che era il primo ottobre. Le cose stavano andando molto bene, stanno andando bene, contro l’Udinese l’ho portato in panchina perché avevo bisogno. Sta lavorando per cercare di recuperare pienamente, perché quando si viene da un infortunio del genere e si subisce un’operazione ci sono sempre o ci possono essere durante il recupero dei piccoli intoppi che possono rallentare il recupero stesso, questo però finora non è successo. Relativamente a Caceres ‘non è niente di grave e dovrebbe essere a disposizione per l’Atletico Madrid’. Su  Pirlo ‘sta lavorando, avrà gli esami in settimana, sta già calciando e dopo gli esami ne sapremo molto di più’. Questione Vidalsi allena con la squadra da 3-4 giorni. Non è al 100%, non è in una condizione ottimale, però ha bisogno di mettere dentro minutaggio. Dovrò essere bravo e  fortunato a cercare di bilanciare il lavoro con la squadra e nello stesso tempo le partite, perché altrimenti rischiamo di andare incontro a qualche infortunio. Ha giocato praticamente una partita e mezzo più un quarto d’ora a Milano’. Moratapiacerebbe anche a me vederlo 90′ in campo perché è un giocatore di grande qualità. Però non scordiamoci che è rientrato con la squadra il 13 settembre con l’Udinese. Veniva da un mese di quasi inattività, non ha minutaggio nelle gambe. Quindi c’è bisogno piano piano di inserirlo’. 

LEGGI ANCHE:

Juventus serie A: Vidal-United, Moggi “Agnelli alla Ferrari, Nedved presidente”, parla Conte

Inter Piero Ausilio: UFFICIALE, rinnovo del contratto fino al 2017

La querelle Marotta-Tavecchio