La Juventus vincerà il suo 29° scudetto (31° per la buona pace degli amici bianconeri) perché ha la miglior difesa del campionato italiano e a mio personale parere d’europa e perché ha Arturo Vidal (foto infophoto) in mezzo al campo (che la Juve se lo tenga ben stretto). Intorno ottimi giocatori, due ex campionissimi del mondo (Buffon e Pirlo) ma nessun top player da Champions. E ne sono ancora più convinto dopo la debacle all’Alianz Arena.  Perché dovessi riassumere il 2-0 incassato con il Bayern Monaco direi addirittura ottimo risultato.

Con una Juventus messa alle strette da se stessa, Marchisio alienato, Pirlo irriconoscibile, Buffon impaurito e Matri da oratorio, al cospetto dei futuri campioni di Germania poteva finire anche peggio. E parliamoci chiaro. Non è che i panzer tedeschi mi abbiano impressionato… anzi. Il gol della domenica dopo 23 secondi di gioco (il più veloce subito nella storia dai bianconeri) e il secondo servito dalla ditta Pirlo-Buffon. Insomma il solito Bayern tutto fisico e pressing, con un toro croato d’avanti (ieri Olic oggi Mandzukic), e la velocità funambolica di Ribery e Robben. L’olandese, sì, forte, ma il solito giochetto di gambe sulla destra ormai lo conoscono anche in Kazakistan.

La sparo grossa. Con una Juve normale e sottolineo normale ieri sera finiva 0-0. Chi ha visto lo show del Bayern Monaco forse ha parlato per partito preso. Ma si sa, il calcio è bello perché tutti possono dire la loro. E io dico la mia. La Juventus a Torino il 10 aprile farà una grande partita. Una partita di cui tutti gli juventini saranno orgogliosi anche se l’esito finale dirà comunque Juve eliminata. Questo mi sento di dirlo. E lo dico con l’orgoglio di avere ancora la Juventus unica rappresentante dell’Italia nell’Europa che conta.