Per la Juventus è decisamente giunto il momento di affrettare i tempi per recuperare tutto il terreno perso in campionato (nove i punti che separano le attuali capoliste Fiorentina e Inter – nerazzurri con una partita in più) per tornare a proiettarsi in quelle zone di vertice che le competono. Oggi alle 15 i bianconeri affrontano nella 9a giornata di Serie A l’ottima Atalanta di Reja, settima in classifica a parimerito col Torino e reduce dal largo successo col Carpi nell’ultimo turno di campionato.

Turn-over quasi scontato per Allegri dopo gli impegni di Champions League della settimana scorsa e probabile ritorno al 4-3-1-2. Fuori dunque Cuadrado, il giocatore più in forma della Juve, almeno inizialmente. Buffon si è ripreso dal problema incontrato nella gara con l’Inter. Nonostante il gran momento di Barzagli, l’indiziato numero uno per il turno di relax è proprio il difensore ex Palermo e Wolfsburg che lascia spazio alla consolidata coppia di centrali Bonucci e Chiellini, affiancati dall’ex Padoin a destra ed Evra a sinistra. Chiavi del centrocampo come al solito affidate a Marchisio, accompagnato da Khedira e Pogba. Sulla trequarti si rivede Pereyra che agirà a ridosso delle punte Mandzukic e Dybala.

Fatta eccezione per Estigarribia, Reja può contare su un organico al completo e anche contro un avversario quotato come la Juventus, non rinuncia al 4-3-3 con una difesa composta da Toloi e Paletta in posizione centrale e Masiello e Dramé terzini. A centrocampo c’è l’olandese De Roon davanti alla linea difensiva, affiancato da Grassi (in ballottaggio con Carmona) e Kurtic. Tridente offensivo tutto sudamericano costituito dal Papu Gomez e Maxi Moralez sull’esterno e da Pinilla punta centrale col “Tanke” Denis pronto a subentrare.

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Padoin, Bonucci, Chiellini, Evra; Khedira, Marchisio, Pogba; Pereyra; Dybala, Mandzukic. All. Allegri.

Atalanta (4-3-3): Sportiello; Masiello, Toloi, Paletta, Dramé; Grassi, De Roon, Kurtic; Gomez, Pinilla, Moralez. All. Reja.