Nella conferenza stampa a Danzica, prima dell’amichevole con il Lechia, altra squadra che come il Dortmund è più avanti della Juventus come preparazione, e di sicuro anche più avanti dei tedeschi visto che l’Ekstraklasa è già giunta alla terza giornata, Allegri ha più voglia di parlare di Serie A, degli obiettivi e delle ambizioni legati alla nuova stagione che sta per iniziare.

Il tecnico livornese non si nasconde dietro nessun dito, affermando a chiare lettere di voler vincere il quinto scudetto consecutivo: “Quest’anno l’obiettivo è lo scudetto, abbiamo la possibilità di entrare nella storia vincendo il quinto consecutivo” eguagliando così il record di Torino, Inter (anche se su questo punto dalle parti di Corso Ferraris avrebbero molto da obiettare) e della stessa Juve (il famoso “quinquennio d’oro” dal ’31 al ’35).

Dopo la sconfitta nella prima amichevole stagionale, Allegri si aspetta una Juventus un po’ più performante avendo aggiunto qualche minuto nelle gambe. Possibile l’impiego di Rugani dopo l’infortunio di Barzagli: “Mi aspetto una buona prestazione sul piano tecnico, una crescita sul piano fisico e l’inserimento dei nuovi. Rugani titolare per il suo 21° compleanno? Intanto auguri. E poi sì, sarà titolare. Ha bisogno di inserirsi, ma serve tempo“.

Il tecnico livornese ha tenuto a sottolineare la scelta di amichevoli mirate con club di livello in anticipo sulla preparazione rispetto alla Juventus: “Scenderanno in campo tutti i giocatori a disposizione. Quella contro il Lechia è una tappa di avvicinamento importante alla Supercoppa e mi spiace per Barzagli che ha avuto un problema che lo terrà fermo per 15-20 giorni e salterà la sfida contro la Lazio“.

Al fianco di Allegri in conferenza stampa c’era anche Lichtsteiner che ha commentato così la fase di pre-season della Juventus: “Il primo obiettivo è riconfermarsi in Italia. Sarà difficile, ma prepariamoci alla grande e proviamoci contro il Borussia Dortmund eravamo indietro a livello fisico. Le gambe sono pesanti, ma vogliamo fare un passo in avanti contro il Lechia“.