Siamo quasi a metà febbraio, la finestra del mercato invernale si è chiusa da una settimana o poco più lasciando però ancora tanti spifferi, uno dei quali ce lo porteremo dietro fino alla prossima sessione di mercato, quando il momento sarà oramai caldissimo, in tutti i sensi, quando cioè a stagione conclusa si saranno tirate le somme e qualche gioco sarà inevitabilmente fatto, ma l’affaire Allegri-Chelsea sta già assumendo la forma di una sceneggiatura per la prossima telenovela di mercato.

Non è più un mistero, infatti, che Abramovich abbia scelto lui come sostituto dell’attuale tecnico ad interim Guus Hiddink alla guida dei Blues per la prossima stagione, e questo, come sembra, a prescindere dall’iter della Juventus in Italia e in Europa. Il buon Max, saggiamente, nel frattempo prende lezioni d’inglese per non farsi trovare impreparato a Stamford Bridge, ma fa di tutto per smentire voci e indiscrezioni sul suo assai probabile futuro londinese, poiché sa che ora come non mai, c’è bisogno di concentrazione perché la fase di stagione è importantissima con due sfide, con Napoli e Bayern Monaco, ben più che delicate:

“Chelsea? Non c’è niente di vero. Non posso né smentire né confermare una cosa che non esiste. Una volta per tutte voglio che sia chiuso l’argomento. L’inglese? Se lo studio lo faccio per me stesso e comunque ho iniziato a studiare ai tempi di Cagliari”.

Allegri è perentorio, ma lo sono anche i desideri e le volontà del magnate russo, e anche alla presentazione del dodicesimo torneo “Amici dei Bambini” non ha perso l’occasione per stornare le sirene inglesi che rischiano di confondere e deconcentrare l’ambiente bianconero: “Quello che è fondamentale per me in questo momento è arrivare alla fine della stagione con la Juventus e provare a portare a casa qualche trofeo anche se non è semplice. In Champions dobbiamo cercare di andare avanti, anche se abbiamo un ottavo di finale con il Bayern difficile ma non impossibile“.

E infine, sull’infortunio di Chiellini che condizionerà inevitabilmente le sue scelte sul big match contro il Napoli: “Le partite vanno affrontate una alla volta. Domenica era una partita importante con il Frosinone e sabato lo sarà altrettanto con il Napoli. Se non ci sarà lui, giocherà un altro“.