Nonostante la trattativa lampo che ha portato la Juventus ad esplodere un altro botto di mercato, non ha fatto in tempo per questioni ovviamente tecniche e burocratiche a scendere in campo alla prima di campionato contro l’Udinese l’esterno brasiliano Alex Sandro che però non ha di certo mancato alla presentazione ufficiale di fronte al popolo bianconero, i suoi nuovi tifosi. Arrivato dal Porto per una cifra importante, 26 milioni di euro (bonus compresi) pagabili in tre esercizi, il nuovo acquisto si è presentato così in conferenza stampa: “Lavoreremo duramente per ottenere grandi risultati: vogliamo vincere ogni competizione, compresa la Champions League“.

A sentirlo parlare – già professionalmente entrato nell’ottica e nella galassia Juventus – Alex Sandro sembra già avere la juventinità nel suo Dna: “Io gioco sempre per vincere, metto tutto me stesso in campo, cercando di difendere e attaccare al meglio. Durante le partite farò vedere tutte le mie qualità. Ho sempre seguito la Serie A, il campionato più tattico al mondo. Sono sicuro che il vostro calcio mi aiuterà, forgerà il mio stile di gioco. E la Juve supporterà al meglio il mio percorso di crescita“. Poi, quasi a rassicurare sulle sue scelte: “Perché non ho rinnovato il contratto in scadenza con il Porto? Non abbiamo trovato un accordo e io volevo venire alla Juve. La mia è stata una scelta azzeccata, perfetta“.

Poi l’esterno della Seleção, che dovrà riconquistare, ha parlato della sua idea di calcio, che si augura possa sposarsi con le idee di mister Allegri, facendo riferimento ai suoi idoli, a cominciare da Hulk, in onore del quale ha scelto la maglia numero 12: “Da piccolo guardavo Trezeguet e Del Piero. Questa squadra mi è sempre piaciuta. Quando il Porto è uscito dalla Champions ho tifato Juventus. Se ho deciso di venire qui è perché volevo che il mio sogno si avverasse. Dunga ha ragione, sono d’accordo con lui: la Juve è la squadra giusta per me. Per ora il c. t. ha preferito chiamare altri giocatori (come Filipe Luis e Marcelo ndr), ma io spero di tornare presto tra i convocati“.

La conclusione della presentazione è inevitabilmente dedicata al big match a bruciapelo Roma-Juventus, alla seconda di campionato: “Ci attende un classico, una partita difficile. Mi sento pronto pronto per giocare. Mi sono confrontato con Allegri, anche se abbiamo soltanto fatto due chiacchiere ho già un’idea di quale sia la sua tattica, il suo atteggiamento“. Vedremo ora se AlezxSandro sarà della partita.

Qualche ora più tardi è toccato a Juan Cuadrado sbarcare a Torino, via Malpensa dove in serata è arrivato direttamente in Italia con un volo da Londra. Altro grande giocatore che torna a giocare in Italia dopo la bella esperienza con la Fiorentina e altra trattativa lampo col Chelsea. Per il colombiano l’affare si è concluso con un prestito per un anno a 1,5 milioni di euro riscattabile a 25 milioni di euro più bonus, nell’eventualità che la Juventus decidesse di acquistarlo a titolo definitivo.