È dunque sbarcato a Torino il terzo colpo di mercato della Juventus: Mehdi Benatia si è presentato poco prima delle 11.30 al JMedical per sostenere le visite mediche di rito,e mentre nel pomeriggio raggiungerà i suoi nuovi compagni al centro sportivo di Vinovo, dove conoscerà anche il suo nuovo allenatore, Massimiliano Allegri. Il nuovo centrale difensivo bianconero sarà dunque convocato per l’imminente tournèe in Australia e Cina.

Come detto in apertura di pezzo, si tratta del terzo rinforzo per la Vecchia Signora, che arriva dopo Dani Alves e Miralm Pjanic. Fin qui, una campagna acquisti sontuosa, che non arricchisce ulteriormente una rosa già piena di talento. L’operazione Benatia in tutto costerà alla Juve intorno ai 20 milioni di euro (3 per il prestito e 17 per il riscatto). L’accordo tra la dirigenza bianconera e il giocatore era già stato trovato da tempo, mentre quello tra le due società è arrivato solo nel pomeriggio di ieri, con l’intesa sugli ultimi dettagli. La società bavarese ha dunque ceduto alle pressanti richieste sia della Juve che del giocatore, mai pienamente ambientatosi in Germania e ansioso di riabbracciare la nostra Serie A. La volontà di cedere da una parte e acquistare dall’altra era nota, bisognava dunque solo trovare la formula giusta che mettesse tutti d’accordo. Nella sua esperienza al Bayern Monaco il difensore è stato letteralmente perseguitato dagli infortuni, che nonostante tutto gli hanno consentito di collezionare 46 presenze condite da 3 gol.

Pur di passare alla Juve, il giocatore si è persino ridotto l’ingaggio: dai 4 milioni netti percepiti al Bayern Monaco, è passato ai 2,9 fissi più bonus offerti dai bianconeri, che gli consentiranno di arrivare al massimo a 3,2 milioni di euro a stagione fino al 2020.