Campione d’Italia anche quest’anno, la vecchia signora si aggiudica il secondo scudetto consecutivo con Antonio Conte, il 31° complessivo per i bianconeri, arrivato con 270 minuti d’anticipo rispetto alla fine del campionato.

Con il trionfo della stagione 2012-2013 ha dimostrato che la Vecchia Signora, in Italia, al momento non ha rivali. 26 vittorie su 35 partite sono state la prova più evidente.

Leonardo.it ha raggiunto telefonicamente alcune delle icone bianconere, tra cui Pietro Anastasi, Domenico Marocchino e Pietro Vierchowod che ci hanno rilasciato un loro commento in seguito a questo grande trionfo (foto by InfoPhoto).

Chi è stato il simbolo, l’artefice della vittoria di questo secondo scudetto?

Anastasi: “ Antonio Conte è stato la svolta della Juve, questi ultimi due campionati sono stati vinti grazie a lui.”

Marocchino: “Barzagli in silenzio è stato il giocatore più utile alla juventus, è quello che ha avuto il rendimento più costante pur non essendo un leader è stato fondamentale per questo campionato, per raggiungere questo risultato finale”.

Vierchowod: “L’artefice di questa vittoria è stato l’allenatore, Antonio Conte, che è riuscito a tenere unito il gruppo e tener sveglia la squadra. Oltre al fatto che il merito di questi successi va anche dato a tutto il centro-campo della squadra, che è la vera forza della Juve a mio parere.”

Che cosa deve fare la juve per dominare in Europa il prossimo anno?

Anastasi: “Per essere competitiva la Juventus dovrebbe comprare giocatori importanti, dei Top Player”

Marocchino: “Ci vorrebbe un attaccante forte, un giovane emergente, uno da 25 goal in campionato”

Vierchowod: “Bisogna trovare giocatori validi per competizioni a livello Europeo. In Italia la Juventus vince a mani basse ma per competere in Europa ci vogliono giocatori leader, di spessore internazionali.”

E voi cosa ne pensate?