Domenica, al via della Milano-Sanremo, non ci sarà Ivan Basso, che si concentrerà sulla Vuelta Catalunya in preparazione al Giro d’Italia. Leonardo.it lo ha intervistato in esclusiva, a margine della presentazione dell’accordo di sponsorizzazione tra la Citroen e la sua squadra, la Tinkoff: “Abbiamo disputato una buona Tirreno-Adriatico, ora la squadra si divide in due – dice Ivan Basso – una parte curerà la preparazione al Giro d’Italia e un’altra farà la preparazione in Belgio. Io sono nel primo gruppo, settimana prossima mi impegnerò nella Vuelta Catalunya”.

La squadra è forte e ha tanti grandi campioni: “Il Giro d’Italia per me e Contador sarà un grande obiettivo, confidiamo in un grande risultato – prosegue Ivan Basso - la Tinkoff è una squadra speciale che vuole ottenere risultati importanti, tutti stanno lavorando alla grande per alzare il livello della squadra”. Poi scatta il pronostico per la Milano-Sanremo, al via domenica: “Sono sempre stato in pessimo pronosticatore, ma è ovvio che punto su un corridore della Tinkoff; dico Peter Sagan, sono un suo grande tifoso”.

Il pensiero si sposta poi su Vincenzo Nibali: “Ha acquisto una grande maturità, può conquistare qualsiasi traguardo; e, ovviamente, anche fare una clamorosa doppietta al Tour de France”. Papà di quattro figli (“Se ne nasce un altro prendo un Jumper al posto della Citroen C4”), ancora non sa cosa farà da grande: “Per ora corro, poi nel futuro si vedrà. Se la famiglia si allarga ancora, potrei creare la Tinkoff- Basso”, conclude ridendo.