A tutto Ventura. Il c.t. della Nazionale ha parlato dell’imminente doppio impegno azzurro, contro Albania e Olanda.

Giampiero Ventura e la ‘Giovine Italia’

“Alle difficoltà sono abituato – racconta a ‘La Repubblica’ -. Portai il Lecce dalla C alla A, il Cagliari in A dal disastro, il Torino in Europa in 3 anni. Era la stagione peggiore in cui prendere la Nazionale, ma mi sento nella mia normalità”, sottolinea Giampiero Ventura in una lunga intervista a ‘La Repubblica’ -.La gente mi ferma per strada e mi sprona a continuare con i giovani. Il modello è la Germania dopo la batosta del 2006. Noi, che all’Europeo avevamo una squadra tra le più attempate degli ultimi 20 anni, siamo stati più caserecci”. Ora però le cose stanno cambiando: “Abbiamo acceso i riflettori. Gagliardini, dopo il primo stage, è passato dall’Atalanta all’Inter. E Inglese, Caldara, Conti e Petagna sono stati subito i migliori in campo”.

Belotti-Immobile, attacco scuola Toro

Talenti in erba e veterani: “La BBC della Juve ha grandi stimoli. Barzagli, Bonucci e Chiellini, più Buffon e De Rossi, dimostrano ai giovani il valore di lavoro e fatica”. Belotti-Immobile, la generazione ’90 si prende l’attacco: “Li ho conosciuti bene al Toro. Per Belotti, una forza della natura, convinsi Cairo a spendere 8 milioni. Immobile attacca gli spazi come pochi. Il Torino lo rigenerò, come Cerci e Darmian. Noi allenatori siamo come i fruttivendoli: lucidiamo la frutta. Poi bisogna che dentro ci sia la polpa”.

Ventura: “Giusto recuperare Balotelli”

Polpa che il commissario tecnico proverà a estrarre pure da Balotelli: “È giusto che io provi a recuperare il talento di Balotelli: non è un esordiente ed è un peccato perderlo. Ma le grandi squadre vincono con gruppo, regole e organizzazione. L’Europeo di Conte è figlio dell’organizzazione. Non puoi più andare a letto alle 5. Chi va all’Hollywood da domenica a mercoledì resta nel limbo. Chi sa gestirsi dura fino a 40 anni”. Infine un consiglio a Gigi Di Biagio in vista dei prossimi Europei Under 21: “Bisognerà ponderare. Io a Di Biagio voglio dare il massimo. Ma il 2 settembre, a meno di un mese dalle vacanze sacrosante per chi avrà giocato l’Europeo, c’è la Spagna. E dopo 48 ore, Israele. Se ad esempio mi servissero Rugani e Romagnoli, li avrei in forma?”