Misure di sicurezza eccezionali verranno adottate questa sera a Udine, in occasione dell’amichevole Italia-Spagna in programma alle 20,45 allo stadio Friuli; una conseguenza diretta e inevitabile degli attentati di Bruxelles, che hanno causato la morte di 31 persone e il ferimento di altre 250. Alle forze dispiegate dalla Polizia si è aggiunto il personale messo a disposizione dai Carabinieri e dalla Guardia di finanza, oltre che dalla Polizia locale – in tutto, saranno complessivamente 150 gli agenti impegnati nella vigilanza preventiva nei punti più delicati della città: la stazione ferroviaria, ovviamente, ma anche gli hotel dove si sono acquartierate le due nazionali.

Assicureremo la vigilanza durante i ritiri delle due squadre negli hotel e nei loro spostamenti“, ha dichiarato il questore di Udine, Claudio Cracovia. Per quanto riguarda l’impianto di gioco, recentemente rinnovato, ci sarà l’intervento dell’unità cinofila antiesplosivo della Polizia per bonificare lo stadio prima del match, mentre un elicottero sorvolerà costantemente il campo da gioco. Inoltre verranno utilizzati dei metal detector nelle porte d’accesso agli spalti. La polizia si unirà agli steward del Friuli anche nella fase dei controlli di sicurezza, dalla verifica del biglietto (rigorosamente nominale) a quello del documento di identità.

Per evitare assembramenti davanti agli ingressi, le autorità hanno raccomandato al pubblico di approssimarsi allo stadio con un buon anticipo, visto che la procedura richiederà più tempo a causa delle misure straordinarie di sicurezza che è stato necessario adottare. Inoltre, si consiglia di non portare con sé armi (ma va?) petardi, fumogeni, oggetti in vetro, bombolette spray, radio, binocoli, accendini, aste rigide e qualunque altro oggetto atto a offendere. I cancelli apriranno alle ore 18,30.

All’inizio della gara tra Italia e Spagna verrà osservato un minuto di silenzio in memoria di Elisa Valent, la studentessa friulana deceduta nella tragedia di Tarragona. Insieme a lei verranno commemorate anche le altre vittime italiane dell’incidente stradale e i morti di Bruxelles.