Tira una brutta aria, per la nazionale di Prandelli. Un po’ per gli infortuni, un po’ per le performance tutt’altro che esaltanti, i tifosi non nutrono grandi aspettative in vista della semifinale di Confederations Cup di giovedì prossimo contro la Spagna campione di tutto. Non parliamo, poi, dei bookmakers: secondo loro, l’Italia non può che rivestire il ruolo di capretto da sgozzare sull’iberico altare. Tanto per citarne due: SNAI quota la vittoria italiana a 7.00, mentre Iziplay lo banca 6.75.

Saranno i 10 gol beccati in 4 partite, sarà l’assenza di Balotelli, sarà che la Spagna legna tutti da cinque anni a questa parte, o più probabilmente sarà un mix di tutte queste considerazioni: fatto sta che il passaggio del turno azzurro è visto come un’ipotesi remota, quasi quanto il passaggio della cruna dell’ago da parte dell’evangelico cammello. Per dire, l’anno scorso StanJames propose a 4.00 l’arresto di Mario Balotelli entro il 2012. È più facile che Balotelli finisca al gabbio che l’Italia entri nel regno dei cieli.

photo credit: ANGELOUX via photopin cc