Serviva un insolito svarione di Buffon per tirare fuori il carattere dell’Italia. Sfiorato il goal-vittoria nelle battute finali è comunque un 1-1 che sta più stretto alla Spagna.

STERILE POSSESSO DELLA ROJA

Allo Juventus Stadium, la Spagna velocizza i meccanismi del suo 4-3-3, propone un tiqui-taca che guarda più in verticale, usa l’uno-due e cerca la profondità. Il 3-5-2 azzurro lo è solo nelle intenzioni, difendendosi con cinque giocatori, a volte addirittura otto. Silva e Iniesta ci fanno ammattire, Piqué e Ramos sono pericolosi nel gioco aereo, ma Buffon non deve compiere paratissime fino al riposo. Da annotare esclusivamente nel taccuino gli infortuni di Jordi Alba (dentro Nacho) e Montolivo, sostituito da Bonaventura: esce per infortunio al ginocchio sinistro dopo uno scontro con Ramos.

ANCHE I MIGLIORI SBAGLIANO

Romagnoli, alla gara d’esordio, strappa consensi per la concentrazione nelle chiusure. Appena si comincia a pensare che il mantenimento dello 0-0 possa essere obiettivo alla portata ecco l’episodio che ci ferisce: minuto 55, De Sciglio si fa tagliar fuori dalla corsa di Vitolo su un lancio di Busquets, Buffon sbaglia completamente i tempi dell’uscita e l’attaccante del Siviglia insacca a porta vuota. Pellé prova a scuotere gli azzurri con un colpo di testa, ma è l’ultimo sussulto della sua partita: lascia il posto a Immobile e la prende male, evitando d’incrociare Ventura. Ciro ha subito una palla buona, a metà ripresa, ma arriva tardi sul suggerimento di Florenzi.

PARI DE ROSSI

Il match si apre, Vitolo divora il 2-0 in contropiede, poi Lopetegui toglie Costa (a rischio espulsione) e inserisce Morata, applaudito dallo Stadium. Al 37’ la Spagna paga a caro prezzo la prima, vera distrazione: il subentrato Belotti mette al centro per Eder, che anticipa Ramos e va a terra in area. Per Byrch non è rigore, per il suo assistente sì: l’arbitro torna sui suoi passi e De Rossi trasforma dal dischetto un penalty d’importanza incalcolabile.

ITALIA-SPAGNA 1-1 (primo tempo 0-0)
MARCATORI: Vitolo (S) al 10’, rig. De Rossi (I) al 37’ s.t.
ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Romagnoli; Florenzi, Montolivo (dal 30’ p.t. Bonaventura), De Rossi, Parolo (dal 31’ s.t. Belotti), De Sciglio; Pellé (dal 15’ s.t. Immobile), Eder. A disp. Donnarumma, Perin, Astori, Ogbonna, Darmian, Criscito, Candreva, Verratti, Bernardeschi. All. Ventura.
SPAGNA (4-3-3): De Gea; Carvajal, Piqué, Ramos, Alba (dal 22’ p.t. Nacho); Koke, Busquets, Iniesta; Vitolo (dal 39’ s.t. Thiago Alcantara), Costa (dal 22’ s.t. Morata), Silva. A disp. Reina, Rico, Roberto, Martinez, Herrera, Vazquez, Isco, Nolito, Callejon). All. Lopetegui.
ARBITRO: Brych (Ger).
NOTE – Spettatori 38.470, incasso 997.760 euro. Ammoniti Busquets, Parolo, Bonaventura, Piqué, Bonucci e Costa per gioco scorretto, Vitolo per c.n.r., Ramos per proteste. Recupero: 2’ p.t., 3’ s.t..