Che l’Italia ci abbia abituato alla sofferenza con le squadre meno blasonate è risaputo. Che poi abbia una certa allergia alla seconda gara anche: tra Europei e Mondiali, infatti, mai una vittoria alla gara numero due nelle edizioni 2002, 2004, 2006, 2008, 2010 e 2012. En plein. Anche se l’avversario si chiama Costa Rica. E quindi, eccoci qua: primo tempo con i centroamericani protagonisti, con un rigore solare non dato e il gol di Ruiz che porta tutti sotto la doccia sull’1-0. Risultato giusto, senza ombra di dubbio.

Serve inventiva, il tocco di genio, ad una squadra apatica: e dunque, fuori Thiago Motta, Candreva e Marchisio, dentro Cassano, Insigne e Cerci. Fantasia al potere. Da una punta, il solo Balotelli, a quattro: un Cesare Prandelli che non ha mezze misure. E alla fine il risultato è stato favorevole alla Costa Rica, che ormai non è più una sorpresa. Un 1-0 che fa capire come Prandelli, forse, non abbia trovato la giusta quadratura del cerchio: serviva un turnover più massiccio, già al 60’ quasi tutti gli azzurri erano sulle gambe.

Ora la qualificazione si fa molto dura: questa sconfitta significa che il Costa Rica ha ottime possibilità di passare come prima del girone, mentre la sfida dell’Italia contro l’Uruguay sarà un vero e proprio spareggio: chi perde è fuori, un pareggio potrebbe avvantaggiare l’Italia, che ha una differenza reti migliore rispetto a quella dei sudamericani. Ma Prandelli deve fare mea culpa per una grande occasione buttata al vento.

LEGGI ANCHE

Italia-Costa Rica diretta: live social con foto e video, vivilo con noi

Pronostici Mondiali 2014: Italia vincitore, ora c’è chi ci crede veramente

Convocati Costa Rica Mondiali 2014: la lista calciatori per il Brasile