Migliaia di chilometri separano i due Paesi, ma quando Italia-Argentina va in scena si notano diversi punti in comune: gusti, tradizioni e il calore latino sono una cosa sola. Quasi inevitabile che i precedenti fra le selezioni in Coppa Davis offrissero grande spettacolo.

POKERISSIMO ALBICELESTE

Due i match finora disputati, entrambi validi il passaggio alle semifinali. Il primo risale all’estate 1983. Al Foro Italico di Roma gli azzurri accolgono Guillermo Vilas e Josè Luis Clerc, che al primo turno avevano estromesso gli Stati Uniti di John McEnroe, numero uno del mondo. In compagnia di Adriano Panatta e Paolo Bertolucci, Corrado Barazzutti porta al quinto set Clerc nella prima giornata, ma niente da fare: gli argentini vincono tutti e cinque i confronti, accedendo alla fase successiva.
LA RIVALSA – L’altro confronto appartiene invece all’età contemporanea. Un suggestivo quarto di finale che, affrontato durante il febbraio 2014, in cui Fognini fa la differenza. Il tennista di Arma di Taggia si impone nei due singoli oltre al doppio con Simone Bolelli, regalando ai suoi la “semi” persa dinnanzi alla svizzera di Federer e Wawrinka.

ARGENTINA – ITALIA 1-1
31 gennaio – 2 febbraio 2014, Mar del Plata (Patinodromo, terra)
World Group, 1° turno

Italia b. Argentina 3-1

  • Carlos Berlocq (ARG) b. Andreas Seppi (ITA) 46 60 62 61
  • Fabio Fognini (ITA) b. Juan Monaco (ARG) 75 62 62
  • Simone Bolelli/Fabio Fognini (ITA) b. Horacio Zeballos/Eduardo Schwank (ARG) 67(6) 76(8) 76(3) 64
  • Fabio Fognini (ITA) b. Carlos Berlocq (ARG) 76(5) 46 61 64

8 – 10 luglio 1983, Roma (Foro Italico, terra)
World Group, Quarti di finale
Argentina b. Italia 5-0

  • Guillermo Vilas (ARG) b. Adriano Panatta (ITA) 62 62 61
  • Jose Luis Clerc (ARG) b. Corrado Barazzutti (ITA) 1210 62 79 36 64
  • Jose Luis Clerc/Guillermo Vilas (ARG) b. Paolo Bertolucci/Adriano Panatta (ITA) 75 63 64
  • Guillermo Vilas (ARG) b. Corrado Barazzutti (ITA) 63 61
  • Roberto Arguello (ARG) b. Francesco Cancellotti (ITA) 75 64